Facebook pensa di portare le news sulla sua piattaforma video

Dopo aver annunciato il cambio di algoritmo per privilegiare i post di amici e parenti a discapito di contenuti editoriali, Facebook starebbe pensando alla creazione di una sezione notizie su ‘Watch’, la piattaforma video lanciata ad agosto negli Stati Uniti ma non ancora disponibile in Italia. Lo ha anticipato Campbell Brown, che si occupa di partnership editoriali per il social media, all’evento Code Media, spiegando che la mossa fa parte dell’evoluzione più ampia della strategia di Facebook sulle notizie.

Al momento, ha specificato Brown, il social starebbe ancora studiando come sviluppare concretamente l’iniziativa, per la quale non ha ancora dei partner. “E’ ancora presto”, ha ribadito l’ex giornalista tv, con un passato tra Nbc e Cnn, “ma sappiamo che vogliamo realizzare questo progetto”.

Campbell Brown, head of news partnerships di Facebook

Sempre sul fronte notizie, Brown ha annunciato anche l’allargamento dell’esperimento delle news a pagamento sull’app del social. Da marzo l’esperimento – lanciato a ottobre su Android, in accordo con 10 editori Usa e Europei – riguarderà anche i dispositivi iOs di Apple, e quando un utente si imbatterà nella sezione Instant Articles di Facebook, visualizzerà la richiesta di abbonarsi per ottenere l’accesso ai contenuti completi di quell’editore.

L’idea di Facebook, dunque, è quella aiutare gli editori che vogliono essere presenti sulla piattaforma, pur non avendo bisogno di loro. “Il mio compito non è di reclutare editori per mettere i loro contenuti su Facebook”, ha ribadito Brown. “Se qualcuno ritiene che essere su Facebook non sia un bene per la sua azienda, allora non dovrebbe essere su Facebook.”

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Milan: Paolo Scaroni nominato presidente. Sarà anche amministratore delegato ad interim

Rai, lunedì la ratifica del nuovo Cda. A seguire ad e presidente designati dal Consiglio dei ministri

Agcom, osservatorio media 1° trimestre: quotidiani in calo (-8,2%); tv maluccio Rai e Mediaset, cresce La7; boom social di Instagram