I Mondiali persi dalla Nazionale pesano anche su Puma. Nike e Adidas si godono i big del calcio

Secondo Repubblica, il business della società di abbigliamento sportivo Puma crescerà meno  del previsto anche a causa della mancata qualificazione degli Azzurri ai Mondiali di Russia 2018.

La mancata qualificazione dell’Italia ai Mondiali non ha colpito solo il cuore di milioni di italiani. Potrebbe anche limare i bilanci del suo sponsor: Puma. È quanto ha lasciato intendere l’amministratore delegato, Björn Gulden, presentando conti in forte crescita per il 2017, con un fatturato che ha sfondato per la prima volta quota 4 miliardi di euro (4,16 miliardi, +14% rispetto all’anno precedente). Ma nell’anno dei Mondiali i conti correranno di meno: la stima è un fatturato in crescita del 10%.

Björn-Gulden (foto about.puma.com)Björn-Gulden (foto about.puma.com)

Björn Gulden (foto about.puma.com)

Complice non soltanto la mancata vendita di magliette e gadget degli Azzurri, bensì un campionato in cui le squadre favorite saranno quasi tutti in mano agli sponsor rivali, a Nike e ai “cugini” dell’Adidas. I due maggiori colossi mondiali dell’abbigliamento sportivo sponsorizzano, tra gli altri, Spagna, Germania, Brasile, Argentina, Inghilterra, Nigeria, Polonia o Russia. Gulden ha precisato anche che il dollaro debole non aiuta a far correre i numeri, per quest’anno, che sarà un altro elemento di pressione.

“Anche il Senegal non potrà compensare la perdita dell’Italia”, ha ammesso il top manager norvegese, con riferimento alla sponsorship dei Mondiali conquistata più di recente. Le altre due squadre che esibiranno il marchio con il puma saltante sono la Svizzera e l’Uruguay. Gulden non ha voluto quantificare esatamente la perdita che la mancata qualificazione degli Azzurri scaverà nei bilanci, ma per consolarsi, intanto, è notizia di questi giorni che i tedeschi si sono accaparrati il Milan. Che secondo il norvegese è interessante per la popolarità in Italia ma anche per la proprietà cinese che potrebbe garantire qualche eco positiva anche nel gigantesco mercato del Dragone.

Quanto al calcio azzurro, Gulden si è detto fiducioso che presto arriverà la”svolta” e che l’Italia tornerà a mietere successi.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Philip Morris sponsor della Ferrari fino al 2021

Il Palalido diventa nuvola di Allianz

Su Netflix la docu-serie dedicata alla Juventus