Google e Facebook signori dell’informazione online in Italia. Dati Agcom

Gli italiani accedono all’informazione online prevalentemente attraverso fonti algoritmiche (in particolare social network e motori di ricerca), consultate dal 54,5% della popolazione, a scapito delle fonti editoriali come siti web e app di editori tradizionali o nativi digitali (39,4%). A rilevarlo è l’Agcom, nel Rapporto sul consumo di informazione nel 2017.

Dallo studio emerge che la quasi totalità della popolazione italiana accede ai mezzi di comunicazione anche al fine di informarsi e oltre l’80% dei cittadini accede all’informazione regolarmente (tutti i giorni).

Nell’anno delle fake news e della disinformazione veicolata attraverso le nuove piattaforme online, spiega l’Agcom, la dieta informativa degli Italiani è caratterizzata da “uno spiccato fenomeno di cross-medialità” che oramai “riguarda oltre i tre quarti della popolazione italiana”.

Solo la televisione resiste ancora come mezzo dotato di un suo bacino (circa l’8% della popolazione) di utenza esclusiva. Mentre il 5% degli italiani non si informa affatto, almeno non ricorrendo ai mezzi di comunicazione di massa.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Nel 2018 più di un’ora di tempo sarà spesa su video online. Previsioni Zenith: investimenti adv in crescita del 19%

Agcom, crisi editoria richiede ampia riflessione, in 10 anni perso metà del peso. Cardani: Sic vale 17,6 mld

Nel 2017 il 37% degli italiani ha piratato un contenuto audiovisivo. Dati Fapav: 617 milioni di incassi mancati