Quanto costa un abbonamento digitale in America? In media poco più di un caffè a settimana

Sottoscrivere un abbonamento digitale a un giornale in America costa in media 2,31 dollari, per un totale di 10 dollari al mese e 120 annuali. A evidenziarlo una ricerca dell’American Press Institute, che ha analizzato i pacchetti proposti da 100 giornali in oltre 40 stati del paese.

Le variazioni di prezzo per ogni settimana oscillano tra 0,46 e 7,85 dollari, e il costo medio – che generalmente include anche l’accesso a sito, mobile app, e-edition – è cresciuto dell’83% rispetto al 2012.

(Elaborazione dell’American Press Institute)

La maggior parte degli abbonamenti sottoscritti per i giornali testati è su base mensile (71%). Poco meno di un quarto è giornaliero, mentre il restante 5% riguarda le sottoscrizioni su base annuale.

(Elaborazione dell’American Press Institute)

I prezzi, evidenzia la ricerca, non dipendono dalle dimensioni del mercato di riferimento o dalla circolazione del giornale. E in gruppi che possiedono più testate le scelte in fatto di tariffe non sempre sono omogenee. Ad esempio, mentre Tronc e McClatchy standardizzarono i loro prezzi su tutti i giornali che possiedono, per altre società, come Gannett, ci sono delle variazioni.

(Elaborazione dell’American Press Institute)

Secondo lo studio infine sono risultati essere più funzionali i pacchetti che propongo ai nuovi lettori offerte iniziali scontate, piuttosto che abbonamenti gratuiti di prova.
Dati alla mano, gli 11 editori che propongono un periodo iniziale gratuito hanno visto convertirsi in abbonamenti complete meno del 25% delle sottoscrizioni.

(Elaborazione dell’American Press Institute)

Tra i 14 editori che invece hanno proposto periodi di prova a prezzi ribassati, per 10 di loro il 76% si è convertito in abbonamenti completi.

(Elaborazione dell’American Press Institute)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Editoria online: niente pay, bassa reputazione, fatturati scarsi. Agcom: prevale carattere amatoriale

Cresce il numero di chi crede che Facebook sia negativo per la società. In Australia, Uk e Usa i più critici

Un americano su 2 giudica Facebook la tech company meno affidabile