La Coppa Italia e la cronaca nera battono le tribune politiche. Iene leader nella notte

A quattro giorni dal voto appare quasi inevitabile che i politici occupino la maggior parte degli spazi pregiati della tv. Facce, programmi, polemiche, annunci sono però quanto mai ripetitivi, e così è fisiologico che le tante tribune giornalistiche non siano premiate dagli ascolti. Ieri ha vinto nettamente la serata la Coppa Italia.

In auge su Rai1 già al pomeriggio con la prima semifinale (Juventus-Atalanta 4,4 milioni e 25,1%), il torneo di calcio ha fatto il botto con la seconda gara in menù. Lazio-Milan ha complessivamente conquistato 6,347 milioni di spettatori e il 24,4% di share; nella fase dei rigori la partita ha avuto 7,476 milioni di spettatori e il 36,3% di share e, in particolare, durante il tiro decisivo, erano sintonizzati sull’ammiraglia pubblica oltre 7,6 milioni di spettatori (37,63% di share).

Con il caso del carabiniere di Cisterna che ha ucciso le figlie e ferito gravemente la moglie a occupare la cronaca nera di giornata, sul secondo gradino del podio si è installata Rai3. ‘Chi l’ha visto?’ affrontando anche la vicenda dei tre italiani rapiti in Messico, ha conseguito 2,595 milioni di spettatori e il 10,99%, facendo meglio de ‘Le Iene Show’ su Italia 1 (2,421 milioni di spettatori e l’11,58% dopo la presentazione a 876mila e 3,09%).

E’ andata molto male Canale 5. La seconda puntata di ‘Matrix Prime- La sfida dei leader’, ieri puntava molto su Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Ma gli esiti della trasmissione di Nicola Porro sono stati deludenti: solo 1,580 milioni di spettatori e il 7,04%, solo qualche spettatori in più dell’evergreen di Rete 4, ‘Ghost’, a 1,571 milioni di spettatori e il 6,6%. Unica, molto relativa consolazione, ‘Matrix’ ha fatto meglio degli altri appuntamenti ‘elettorali’ della fascia oraria. Su La7 ‘Speciale Bersaglio Mobile’, con Matteo Renzi e Pierluigi Bersani ospiti di Enrico Mentana (e con una finestra in mezzo ai due comizi occupata da Milena Gabanelli), ha conquistato 918mila spettatori e il 3,66% di share.

Malissimo, ma non è una novità, sono andati gli spazi istituzionali di Rai2. Questi i bilanci delle ‘Conferenze Stampa’: Raffaele Fitto e Noi con l’Italia – Udc a 523mila spettatori e 1,85% di share; Beatrice Lorenzin e Civica popolare Lorenzin a 300mila spettatori e 1,1% di share; Silvio Berlusconi e Forza Italia-Berlusconi presidente a 480mila spettatori e 1,97% di share.

Italia 1 ha stravinto in seconda serata. Le Iene sono passate in testa dal momento del fischio finale di ‘Lazio-Milan’ in poi, precedendo nettamente gli altri programmi che a quell’ora mettevano assieme la politica e la cronaca nera. ‘Porta a Porta’, con Pietro Grasso ospite di Bruno Vespa e poi la storia di Latina nella seconda parte, ha totalizzato 1,061 milioni di spettatori e il 10,69%. Mentre ‘Linea Notte’, con la vicenda tragica tra gli ingredienti della scaletta assieme ad un faccia a faccia tra Ettore Rosato e Lucio Malan, ha raccolto 779mila spettatori e l’8,41% di share.

In access è stato ancora netto il dominio de La7 su Rete4. ‘Otto e mezzo’, ha avuto 1,4 milioni di spettatori e il 5% di share con Matteo Salvini ospite di Lilli Gruber; mentre su Rete 4 ‘Dalla vostra parte verso il voto’, ha portato a casa 1 milione di spettatori e il 3,6% con Silvio Berlusconi ospite di Maurizio Belpietro.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Dal 22 ottobre al via ‘Fuorilegge’, spazio settimanale di Klaus Davi su TgCom24

Panorama: dai giornalisti ribadito il no alla cessione

Selfie mortali, dal 2011 al 2017 259 decessi legati alla ricerca dello scatto perfetto