Tre italiani arrestati nelle indagini per l’omicidio del giornalista slovacco Kuciak

Arresti nell’inchiesta legata alla morte del giornalista slovacco Jan Kuciak, ucciso nella sua casa la scorsa settimana con la fidanzata. Stando a quanto segnalato dal quotidiano locale ‘Korzar’, la polizia avrebbe arrestato l’imprenditore italiano Antonino Vadalà, insieme al fratello Bruno e al cugino, Pietro Catroppa.

Kuciak aveva scritto su quattro famiglie calabresi, ritenute dell’orbita ndranghetista – Vadalà, Cinnante, Rodà e Catroppa – che nell’Est della Slovacchia svolgono attività imprenditoriali soprattutto nell’agricultura. Il reporter aveva inoltre rivelato i legami dell’imprenditore Antonino Vadalà con l’assistente del premier Robert Fico, Maria Troskova, e il segretario del consiglio di sicurezza, Vilian Jasan.

Jan Kuciak (foto tratta dal profilo Facebook)

Sulla vicenda è intervenuto anche l’UsigRai. “La Rai riprenda l’inchiesta sulla ‘ndrangheta che stava conducendo il giornalista slovacco Jan Kuciak – assassinato insieme alla sua fidanzata – e la porti a compimento, per svelare le trame a base di criminalità e affari sporchi”.

“Chi ha ammazzato Kuciak lo ha fatto probabilmente per impedirgli di completare quel reportage”.

“Per questo – ribadisce il sindacato dei giornalisti Rai – il miglior modo per onorare la memoria del reporter è proprio quella di dimostrare che nessuno può fermare la verità e la libertà di stampa. Può essere questa l’occasione per istituire il Nucleo di giornalismo investigativo più volte promesso”.

“Intanto ai tg e al giornale radio chiediamo di pubblicare l’ultima inchiesta di Jan Kuciak: a chi uccide per silenziare la verità dobbiamo rispondere con le 1700 firme dei giornalisti Rai sotto quell’articolo”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Dal 22 ottobre al via ‘Fuorilegge’, spazio settimanale di Klaus Davi su TgCom24

Panorama: dai giornalisti ribadito il no alla cessione

Selfie mortali, dal 2011 al 2017 259 decessi legati alla ricerca dello scatto perfetto