Tim sulla procura a vendere Persidera: la società non rinuncia al governo del processo di valorizzazione del proprio asset

TIM in una nota del 3 marzo ha fatto una precisazione sulla procura a vendere Persidera conferita a Advolis S.A. in cui spiega che la società non rinuncia al governo del processo di valorizzazione del proprio asset. Ecco il testo:

“In merito ad erronee informazioni apparse su alcuni organi di stampa, TIM precisa che il conferimento ad Advolis S.A. della procura relativa alla vendita della partecipazione in Persidera S.p.A. non ha determinato alcun trasferimento della suddetta partecipazione che rimane nella piena ed esclusiva disponibilità di TIM. La Procura si limita ad assicurare la partecipazione del trustee all’esecuzione della deliberazione consiliare assunta in data 23 febbraio 2018, che ne rappresenta pertanto la finalità e il limite.

TIM conferma che il rilascio è stato sollecitato dal socio Vivendi S.A. nel legittimo esercizio dell’attività di direzione e coordinamento, quale conseguenza della mancata proroga da parte della Commissione Europea del termine di cessione della suddetta partecipazione nell’ambito degli impegni assunti nel procedimento di concentrazione, e che vi si è proceduto in esito all’analisi dell’interesse di TIM.

Il procuratore agirà in coordinamento con l’Amministratore Delegato di TIM, sulla base dell’offerta di Rai Way e F2i, già approvata dal Consiglio di Amministrazione della Società, ovvero di altra offerta vincolante previamente e debitamente approvata dallo stesso Consiglio di Amministrazione, nel rispetto della procedura per l’effettuazione di operazioni con parti correlate, a cui ogni operazione riguardante la società Persidera è stata assoggettata in via volontaria, nell’esclusivo interesse di TIM e senza alcun impatto sull’autonomia decisionale del suddetto organo consiliare”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Milan: Paolo Scaroni nominato presidente. Sarà anche amministratore delegato ad interim

Rai, lunedì la ratifica del nuovo Cda. A seguire ad e presidente designati dal Consiglio dei ministri

Agcom, osservatorio media 1° trimestre: quotidiani in calo (-8,2%); tv maluccio Rai e Mediaset, cresce La7; boom social di Instagram