Discovery completa l’acquisizione di Scripps (rinominata Discovery). Zaslav: momento storico, puntiamo su Ott

Si è chiusa l’acquisizione di Scripps Networks Interactive da parte di Discovery Communications per 14,6 miliardi di dollari, operazione che crea il più grande gruppo di canali via cavo di intrattenimentotra cui ‘Food Network, HGTV, Travel Channel.  Nel nuovo assetto, l’azienda sarà ufficialmente nota con il nome Discovery.

David Zaslav (foto Ansa)

 

“Oggi è un altro momento storico per Discovery: diventiamo una media company ancora più distintiva, grazie a un portfolio che include i brand per tutta la famiglia più rilevanti al mondo”, ha affermato David Zaslav, President & CEO Discovery. “Come leader globale nel real life entertainment, Discovery raggiungerà un’audience appassionata, con contenuti in grado di ispirare, informare e intrattenere su tutti gli schermi. La società fornirà agli inserzionisti e ai distributori nuove modalità per raggiungere su larga scala un pubblico altamente profilato e creerà nuovo valore e nuove opportunità di crescita per tutti gli stakeholder.”

Il cambio del nome in Discovery, Inc. rappresenta una rinnovata strategia focalizzata sulle aree in cui Discovery si distingue attraverso i generi più amati dal pubblico, e un impegno a favore dei superfan che desiderano esplorare il proprio mondo su ogni schermo, servizio e piattaforma.

Si prevede – spiega una nota del gruppo – che l’acquisizione porterà a una crescita graduale dell’utile per azione e del free cash flow nel primo anno dopo il closing, incluse importanti sinergie di costo. Si prevede inoltre che l’unione delle aziende creerà un forte modello economico con capacità di ripianamento rapido del debito e un percorso agevolato di crescita e di creazione di valore.

Kenneth W. Lowe, ex Chairman, President & CEO di Scripps Networks Interactive, entrerà a far parte del Board of Directors di Discovery con effetto immediato.

Marinella Soldi

Marinella Soldi

“L’acquisizione di Scripps Networks International è una nuova grande tappa per il nostro gruppo.” ha dichiarato Marinella Soldi, Chief Strategy Officer EMEA & Managing Director Southern Europe Discovery “Da sempre cerchiamo di sorprendere il pubblico con contenuti originali e di qualità, servizi innovativi e talent capaci di entrare nel cuore degli appassionati. Un’ambizione che è un vero motore in Italia e nel Sud Europa e fonte di ispirazione per tutti gli altri Paesi in cui è presente Discovery. L’operazione con Scripps renderà il portfolio ancora più ricco e completo, consentendoci un ulteriore salto di qualità, grazie a contenuti proprietari molto appetibili – utilizzabili sulle piattaforme lineari e non, in svariati formati – e pienamente coerenti con il resto dell’offerta.”

Gli azionisti di Scripps riceveranno $90 per azione costituiti da $65.82 per azione in contanti e 1.0584 per azione convertite in azioni ordinarie Discovery Series classe C valutate in base al prezzo medio ponderato (soggetto a procedure di scelta e ripartizione proporzionale) in base ai termini stabiliti dall’accordo di fusione. Questo include un pagamento cash di $2.82 per azione relativamente alla precedente decisione di Discovery di esercitare l’opzione di cash top up previsto dall’accordo di fusione.

Secondo quanto riporta Variety, Discovery, che starebbe chiudendo il suo storico quartier generale di Silver Spring in Maryland per operare prevalentemente da New York e nell’ex sede centrale di Scripps a Knoxville nel Tennessee.  Sempre a Variety  Zaslav ha dichiarato di puntare sull’offerta di nuovi pacchetti di canali OTT osservando che “il mercato della televisione a pagamento in Europa si è adeguato a pacchetti tematici più piccoli,  venduti a prezzi molto più bassi rispetto ai 40 dollari degli Usa”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Confindustria Radio Tv: tagli a informazione non portano benifici; costruire nuovo modello business e riconosciuto copyright 

Dal 22 ottobre al via ‘Fuorilegge’, spazio settimanale di Klaus Davi su TgCom24

Panorama: dai giornalisti ribadito il no alla cessione