La Francia accusa Google e Apple di pratiche commerciali abusive. La replica di Mountain View: noi rispettosi delle leggi

Il ministro francese delle Finanze, Bruno Le Maire, ha comunicato che la Francia chiamerà Google e Apple in tribunale per aver imposto unilateralmente prezzi e altri termini contrattuali alle start-up e agli sviluppatori. A riportare la notizia è Reuters.

Bruno Le Maire (foto Ansa)

Bruno Le Maire (foto Ansa)

In un’intervista radiofonica a Rtl, Le Maire ha annunciato che farà causa ai colossi statunitensi del tech presso il Tribunale Commerciale di Parigi per “pratiche commerciali abusive” e prevede che l’Unione Europea chiuda tutte le scappatoie fiscali che avvantaggiano le due società e le loro omologhe, come Facebook e Amazon, entro inizio 2019.

Al momento Bruxelles sta cercando di elaborare alcune misure per migliorare la tassazione delle operazioni online nei mercati europei dei colossi stranieri del tech.

La replica di del portavoce di Google: 

“Con oltre 1000 download al secondo, Google Play è un ottimo strumento per gli sviluppatori Europei di app, piccoli e grandi, inclusi molti in Francia, di distribuire le loro app a persone di tutto il mondo. Abbiamo collaborato con la DGCCRF (Direction générale de la concurrence, de la consommation et de la répression des fraudes) su molti temi negli ultimi anni, incluso Google Play. Riteniamo che i nostri termini rispettino le leggi francesi e sosterremo il nostro caso in tribunale”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Facebook, nel 2017 raddoppiata la spesa per lobbying in Ue. Da 1,2 a 2,5 milioni di euro

Nbc entra nel consorzio OpenAp dove raggiunge Fox, Turner e Viacom

Formiche, Roberto Arditti nel Cda e direttore editoriale. Cresce l’ebitda di Base Per Altezza