La Figc compie 120 anni. Fabbricini: lavoriamo per rinforzare il legame con la gente. Anche senza Mondiali

Il 15 marzo 1898 si costituì il Comitato che il 26 marzo avrebbe fondato la Federazione Italiana Giuoco Calcio. A 120 anni dalla storica ricorrenza, nella sede romana della Figc è stato presentato il calendario delle iniziative per celebrare questo importante anniversario per il calcio italiano, che tradotto in numeri oggi significa 1 milione e 300mila tesserati, 70mila squadre e quasi 600mila gare ufficiali l’anno.

Le iniziative si snoderanno su 8 mesi, e prenderanno il via da domani, 15 marzo, per poi concludersi il prossimo novembre, con un altro anniversario, quello dei 60 anni del Centro tecnico di Coverciano, una eccellenza della Federazione.

“Vogliamo celebrare questi 120 anni nel nome della grande passione popolare e amore sviscerato che c’è verso questa disciplina sportiva”, ha dichiarato Roberto Fabbricini commissario straordinario
della Figc aprendo la conferenza stampa. “Vorremmo dare una nuova, più forte linfa affettiva verso il mondo del calcio italiano e la Federazione sta ponendo in essere tutte le iniziative migliori per celebrare al meglio l’evento”. “Nonostante, purtroppo, ha aggiunto, dopo tanti anni si ripeta quest’anno l’assenza al campionato del mondo dell’Italia. Ma il calcio italiano è espressione d’amore, dobbiamo rinforzare questo legame forte con la gente”.

Nel suo intervento Fabbricini ha ringraziato anche la Rai – rappresentata alla conferenza dal direttore di Rai2, Andrea Fabiano, dal direttore di Rai Sport, Gabriele Romagnoli, e dal direttore dei palinsesti Marcello Ciannamea – che, a testimonianza del suo essere la “televisione della maglia azzurra”, dedicherà alla ricorrenza una serie di approfondimenti intitolati ‘Siamo il calcio’, che troveranno spazio – sempre a partire dal 15 marzo – nella programmazione quotidiana televisiva e radiofonica.

L’intento è di porre l’ attenzione del pubblico sui vari temi richiamati dal compleanno, dalle emozioni regalate ai tifosi dai trionfi degli Azzurri in questo secolo, ma anche sul rilancio del calcio che tutti gli italiani e i tifosi si aspettano.

Ad accompagnare le celebrazioni anche una campagna di comunicazione che vuole esprimere il concetto che la Figc non è solo la nazionale, ma è ovunque ci sia il calcio.  A riassumere l’idea e tutta la scala di competenze e responsabilità che fanno capo alla federazione anche un video. “Siamo il pallone che rotola – spiega la voce fuori campo – siamo le luci della vittoria e l’ombra della sconfitta. Siamo il calcio d’inizio e il fischio che segna la fine. Siamo le regole che fanno tutti uguali. Siamo i giocatori che fanno la squadra. Siamo i 90 minuti che finiscono troppo presto, o non finiscono mai. Siamo il calcio che unisce, quello vero, quello che si gioca. SìAmo il Calcio, da 120 anni”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on Google+

Articoli correlati

Coca-Cola e Kfc in F1 per il Gp di Austin: partnership con McLaren e Toro Rosso

Calcio, in Inghilterra è guerra sul “blackout” in tv tra Eleven Sports, FA e Premier League

Fisi, presentati a Milano i tre Mondiali di Fassa 2019, Anterselva 2020 e Cortina 2021. Roda rilancia: portiamo le Olimpiadi in Italia