Con la F1 in differita su Tv8 e Lazio-Roma sulle pay, cala Fazio e parte piano The Wall. Giù Iene e Giletti

Una domenica sportiva che più sportiva non si può quella del 15 aprile, con Juve-Sampdoria nel preserale sulle pay (1,2 milioni e 7% su Sky e 606mila spettatori ed il 3,5% su Premium) e con alla sera Lazio-Roma (1,6 milioni e 6,3% su Sky e 539mila spettatori ed il 2,13% su Premium).

In prime time, inoltre, è andata in onda anche la differita su Tv8 di uno splendido ‘Gp di Formula 1 della Cina’. La gara vinta da Daniel Ricciardo e caratterizzata dallo speronamento di Max Verstappen ai danni di Sebastian Vettel ha conseguito alla mattina in diretta su Sky oltre un milione di spettatori con il 13% di share e poi alla sera sul canale in chiaro del gruppo guidato da Andrea Zappia quasi 1,4 milioni di spettatori con il 5,6% di share.

Inevitabilmente compresse le prestazioni delle principali reti generaliste.

Su Rai Uno ‘Che tempo che Fa’ ha perso un punto di share nella prima parte e mezzo complessivamente rispetto alla settimana precedente. Fabio Fazio ha schierato tra gli ospiti Paolo Mieli, Pippo Baudo e Lorella Cuccarini, Alvaro Soler, Terence Hill e Carmen Consoli nella prima fase del programma fino alle 23.00 circa e quindi nella parte del Tavolo anche Fabio Volo, Nino Frassica, Gigi Marzullo, Orietta Berti, Vincenzo Salemme, Serena Autieri, Bruno Barbieri, Valentina Greggio, Enrico Ruggeri, Rosita Celentano e di nuovo Baudo e Cuccarini. Il bilancio è stato di 3,934 milioni e il 15,71% nella prima parte e di 2,289 milioni ed il 14,7% nella seconda parte.

Molto staccato è arrivato Gerry Scotti, che faceva esordire su Canale 5 la versione da prime time del game show del preserale ‘The Wall’. Il programma ha conquistato 2,361 milioni di spetattori e il 10,8%.

In calo robusto sono state ‘Le Iene Show’ su Italia 1 (1,9 milioni e 10,2%), mentre i telefilm crime di Rai2 hanno fatto una buona performance difensiva (per ‘Ncis’ 2 milioni e 7,72%, per ‘Instinct’ 1,555 milioni e 6,64%).

Una discreta tenuta l’ha avuta anche La7. A ‘Non è l’Arena’, Massimo Giletti ha ospitato tra gli altri il generale Vincenzo Camporini, Guido Crosetto, Alain Friedman, Antonio Di Pietro, Nunzia De Girolamo, Corrado Formigli, Carla Cantone, Luisella Costamagna e poi ha fatto la parte finale sul calcio con Carolina Morace, Massimo Caputi, Claudio Pasqualin e Luca Sgarbi, ed ha ottenuto 1,247 milioni e il 6,5% di share (20.35/24.56).

In fondo alla graduatoria si è registrato un piccolo progresso di Alberto Matano e ‘Sono Innocente’ (849mila e 3,6%), con il programma della terza rete che ha battuto il film di Rete 4 (‘The Bourne Supremacy’ a 759mila e 3,3%).

In day time ha fatto una buona prestazione Lucia Annunziata (su Rai3 ‘1/2 ora in più’ è stato visto da 1,340 milioni di spettatori con l’8,1% di share con Gianpiero Massolo, Denis Verdini e Tito Boeri ospiti). Ed è stata più dignitosa del solito anche la performance in ascolti e share di Cristina Parodi (per ‘Domenica In’ 12,3% e 2,076 milioni di spettatori nella prima parte e il 10,1% con 1,566 milioni di spettatori nella seconda).

All’altezza del fortunato trend stagionale si è confermata Barbara D’Urso: ‘Domenica Live’ ha inanellato il 13,5% nella presentazione, il 15,6% in Politica e Attualità, il 18,7% nelle Storie, il 21,6% nella prima parte, il 22,9% nella seconda e 16,1% nell’Ultima Sorpresa.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Copyright, gli editori a Strasburgo: dite sì alla direttiva. L’Europa ha bisogno di stampa libera

Copyright, gli editori a Strasburgo: dite sì alla direttiva. L’Europa ha bisogno di stampa libera

Terna, investimenti in Italia per 6,2 miliardi di euro, il piano più importante di sempre

Terna, investimenti in Italia per 6,2 miliardi di euro, il piano più importante di sempre

Apple: New York Times e Washington Post non saranno nel nuovo servizio di news. Tra le testate big presente il Wall Street Journal

Apple: New York Times e Washington Post non saranno nel nuovo servizio di news. Tra le testate big presente il Wall Street Journal