Freccero: Vespa comanda e decide di non avere contro sovrapposizioni. La risposta del giornalista: ridicolo

“Per Povera patria è sbagliato come giorno il venerdì, sarebbe dovuto andare il mercoledì, ma il venerdì come giorno di messa in onda me l’ha imposto il coordinamento.

Vespa ancora comanda in Rai e decide di non avere contro le sovrapposizioni. Mi sono dovuto inchinare, come ad altre scelte del coordinamento”. Lo ha  detto il direttore di Rai2, Carlo Freccero, in audizione in
Commissione di Vigilanza Rai. “So che ora ci saranno conseguenze per  quello che ho detto – aggiunge – ma ora almeno ho fatto chiarezza”.

“‘Vespa comanda sui palinsesti Rai?'” Non  siamo ridicoli. ‘Porta a porta’ va in onda a ore impossibili, viene
massacrata dai commenti alle partite di calcio che ci fanno partire al 4% e dal prolungarsi ormai stabile delle prime serate sulle altre  reti. “‘Povera Patria in un giorno diverso dal nostro?'” E’ la
vecchissima regola di non sovrapporre informazione a informazione. E  un consumato uomo di televisione come Carlo Freccero la conosce  perfettamente”. Così Bruno Vespa replica al direttore di Rai2, Carlo
Freccero. (AdnKronos)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

L’offerta Discovery+ integrata in TimVision. Oltre all’intrattenimento tanto sport grazie ai contenuti Eurosport

L’offerta Discovery+ integrata in TimVision. Oltre all’intrattenimento tanto sport grazie ai contenuti Eurosport

Mediaset deposita in Consiglio di Stato l’appello su Vivendi dopo la sentenza del Tar che scongela il 20% del Biscione in mano francesi

Mediaset deposita in Consiglio di Stato l’appello su Vivendi dopo la sentenza del Tar che scongela il 20% del Biscione in mano francesi

Il Festival di Sanremo sarà in sicurezza e si atterrà al Dpcm. Coletta (Rai1): Al pubblico dobbiamo evasione e intrattenimento, lo facciamo per questo

Il Festival di Sanremo sarà in sicurezza e si atterrà al Dpcm. Coletta (Rai1): Al pubblico dobbiamo evasione e intrattenimento, lo facciamo per questo