Rai: via libera dal Cda a nuovo assetto organizzativo. Alberto Matassino nominato dg corporate

Via libera del cda Rai al progetto di assetto macro-strutturale proposto dall’ad Fabrizio Salini, che prevede anche l’introduzione della figura del direttore generale corporate, in coerenza con le linee del piano industriale approvato il 6 marzo. L’ad ha comunicato al cda la sua intenzione di nominare Alberto Matassino direttore generale, Roberto Ferrara capo staff dell’ad, Marcello Ciannamea coordinatore editoriale dei palinsesti televisivi e Roberto Nepote direttore del marketing.

Compito del direttore generale, spiega la nota di Viale Mazzini, sarà tra l’altro quello “di dare esecuzione alla strategia dell’amministratore delegato rispetto alle strutture operative, e di ottimizzare i meccanismi aziendali”.

Nella foto, sopra da sinistra: Alberto Matassino e Roberto Ferrara; sotto, da sinistra Marcello Ciannamea (foto Ansa) e Roberto Nepote (Foto Ansa)

Il progetto contempla poi il riassetto dell’area Comunicazione e Relazioni esterne, rendendo autonome le Direzioni per le Relazioni istituzionali e per le Relazioni internazionali. Sono inoltre stati istituiti l’Ufficio Studi e la funzione Transformation Office, mentre la Direzione Pubblica Utilità è stata scorporata dall’Area Digital “quale segno di maggiore attenzione agli obblighi imposti dal Contratto di servizio”.

“Resta fermo – prosegue la nota – che il nuovo assetto organizzativo nel suo complesso ha come obiettivo il miglioramento della macchina operativa della Rai senza aggravio di costi per l’azienda”. Il cda ha infine approvato il Piano di gestione e sviluppo delle risorse umane, la cui elaborazione è prevista dall’art. 24 del Contratto di servizio.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cdp scommette sul turismo. Nasce un fondo per sostegno e rilancio del settore con investimenti fino a 2 miliardi

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Cento milioni di persone pagheranno per le news online entro il 2030. La previsione di Kopit Levien: al New York Times un quarto del mercato

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast

Dall’audio al video. Spotify sigla accordi per realizzare film basati sui podcast