- Prima Comunicazione - https://www.primaonline.it -

16 giugno L’onda Azzurra porta Rai1 al 30%. Cala la serie di Canale 5, non svetta Report

Dopo le donne, impegnate ai Mondiali francesi, è toccato agli Azzurrini ieri fare man bassa di consensi sportivi e ascolti nella serata tv del 16 giugno.

Su Rai1 la prima partita della fase finale della Europei di calcio Under 21, che la nostra Nazionale gioca in casa, è stata vinta dalla squadra guidata da Luigi Di Biagio in rimonta per tre a uno sulla Spagna al Dallara di Bologna, con doppietta di Federico Chiesa e marcatura su penalty deciso dal Var di Lorenzo Pellegrini. Il match ha conquistato 5,6 milioni di spettatori e 29,4%, con il secondo tempo, in particolare, che ha conseguito 5,937milioni di spettatori ed il 30,76% di share. Sul rigore del tre a uno, poi, gli spettatori erano 6,5 milioni con lo share al 35%.

Lontanissime sono arrivate tutte le altre proposte generaliste.

Su Canale 5 ‘Lontano da te’, con Alessandro Tiberi, Megan Montaner, Teco Celio e Christian Ginepro, Valeria Bilello, ha totalizzato 1,665 milioni di spettatori e 8,94% di share, in calo di quasi quattro punti rispetto all’esordio.

Nella gara per il terzo gradino del podio ha vinto Rai3, che aveva posizionato alla domenica ‘Report’. Sigfrido Ranucci, parlando dei legami della Lega con l’inquisito Paolo Arata, e poi di plastica, Tav, pompieri, ha conquistato 1,320 milioni di spettatori ed il 6,82% di share. Su Rai2 questo il bilancio dei telefilm: ‘Ncis’ a 1,371 milioni e 7,12% per i due episodi di ‘Elementary’ 1,128 milioni e il 5,72% e poi 1,033 milioni e il 6,1%.

Dietro i primi, il film di Italia 1 con Halle Berry e Sharon Stone ha battuto i montaggi di Massimo Giletti e Piero Chiambretti (‘Catwoman’ a 947mila e 5,1%, ‘The best of Non è L’Arena’ a 559mila e 3,6%, ‘The best of Cr4-La repubblica delle donne’ a 497mila e 3,1%).

In day time da registrare l’ottima prestazione del Motomondiale in chiaro su Tv8. La gara della MotoGp da Barcellona ha ottenuto quasi 1,8 milioni di spettatori ed il 12,5% di share anche se al secondo giro, abbattendo le moto di Andrea Dovizioso, Valentino Rossi e Maverick Vinales, Jorge Lorenzo ha di molto facilitato il compito del vincitore Marc Marquez.