L’Antitrust francese ordina a Google di pagare gli editori per i contenuti. Mountain View: rispetteremo la decisione

In Francia Google dovrà negoziare con i gruppi editoriali il compenso da riconoscere loro per poter condividere i contenuti online. Lo ha stabilito l’autorità per la concorrenza francese  guidata da Isabelle de Silva ordinando al gigante del web di “intraprendere, entro tre mesi, i negoziati con gli editori e le agenzie di stampa sulla remunerazione per il riutilizzo dei loro contenuti protetti”.

Sundar Pichai, ceo di Google (Foto Ansa – EPA/RAJAT GUPTA)

Google si era finora rifiutata di applicare la normativa europea sul diritto d’autore già entrata in vigore in Francia, primo Paese a recepirla, lo scorso ottobre.

“Questa ingiunzione richiede che i negoziati si traducano effettivamente in una proposta di remunerazione da parte di Google – ha dichiarato l’autorità francese – che deve essere applicata retroattivamente dall’ottobre 2019”.

Isabelle de Silva (Foto youTube)

Dopo l’entrata in vigore della norma Ue in Francia, Google aveva avvertito che avrebbe continuato a pubblicare sulle proprie piattaforme articoli solo se gli editori avessero acconsentito l’utilizzo gratuito. Questo però a discapito della visibilità dei media.
Lo scorso novembre i gruppi editoriali e l’agenzia di stampa AFP avevano dunque presentato un reclamo all’autorità per la concorrenza per “abuso di posizione dominante”. L’autorità ha infine dichiarato oggi che “le pratiche di Google potrebbero costituire un abuso di posizione dominante e hanno causato un danno grave e immediato al settore della stampa”.

Google nel pomeriggio di oggi attraverso  ​​Richard Gingras, VP News, ha fatto sapere che  “fin da quando la legge europea sul copyright è entrata in vigore lo scorso anno abbiamo avviato dialoghi con gli editori per incrementare il nostro supporto e gli investimenti ​verso l’industria dell’informazione. Rispetteremo la decisione dell’​A​utorit​à G​arante della​ ​Concorrenza, che stiamo analizzando, portando avanti queste​ ​trattative​.”

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Elia Mariani nominato chief consumer officer di Sky Italia

Elia Mariani nominato chief consumer officer di Sky Italia

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Fabio Caporizzi in Conad? Gira forte la voce in Burson

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020

Per la prima volta il Time cambia testata e diventa ‘Vote’ in occasione delle elezioni Usa 2020