ICT: ASSINFORM-POLITECNICO, SERVONO COMPETENZE ADEGUATE

ICT: ASSINFORM-POLITECNICO, SERVONO COMPETENZE ADEGUATE


(ASCA-CORRIERE COM.) – Roma, 1 dic – In Italia i Cio (Chief information officer) operano ancora in una posizione sostanzialmente ”difensiva”. E’ quanto emerge dall’ultima indagine effettuata dall’Osservatorio nuove competenze per gli Ict Exceutives di Assinform e dalla School of management del Politecnico di Milano su un campione di 150 Ict Executive e 25 Top Executive italiani. La ricerca evidenzia un rischio crisi: il Cio rischia di soccombere in un contesto di crescente dinamicita’, in cui le competenze tecnologiche non sono piu’ sufficienti a dare risposte concrete alle esigenze di business. A detta degli esperti Assinform e Politecnico il futuro dei Cio deve diventare sempre piu’ strategico, associando le competenze tecniche a quelle di business strategy per cogliere le opportunita’ derivanti dalla tecnologia e riportarle alle esigenze del business. ”La presenza di competenze adeguate per la governance dell’Ict – spiega Mariano Corso, responsabile scientifico Osservatorio Nuove competenze – e’ una condizione fondamentale perche’ le organizzazioni possano cogliere le opportunita’ che l’Ict offre alle imprese”. L’indagine ha identificato quattro tipologie di Cio: lo sperimentatore, chiamato a perseguire obiettivi di trasformazione tecnologica; lo stabilizzatore, che ha il ruolo di consolidate le tecnologie aziendali; il trasformatore, che elabora e attua obiettivi di trasformazione; il garante, chiamato ad allineare l’Ict al business.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Report Audiweb Week con i dati su audience online degli editori dal 10 al 16 febbraio

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Il 5% dei giovani è dipendente dall’uso dei social network. Secondo una charity britannica le piattaforme più note possono contribuire ad alimentare disturbi mentali (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)

Più di 30 milioni gli italiani online nel mese di febbraio, connessi principalmente da mobile. I dati Audiweb (INFOGRAFICHE)