Periodici – Geo e Top Girl. Protesta dei giornalisti

Da ‘Prima comunicazione’, numero 388, Ottobre 2008


Geo e Top Girl soffrono la crisi del mercato, per tagliare i costi la Gruner+Jahr/Mondadori sostituisce i direttori e rinnova le formule. Ma licenzia anche il vice direttore di Geo e i giornalisti scendono in sciopero
Non è abituale imbattersi in un sit in di giornalisti nelle eleganti strade del centro milanese. Eppure è quello che è successo il 25 e il 26 settembre in corso Monforte sotto la sede della Gruner+Jahr/Mondadori, nel corso di due giornate di sciopero dei giornalisti della casa editrice che pubblica Focus e le sue sei brand extension, Jack, Top Girl e Geo. La protesta era stata dichiarata per il licenziamento, il 23 settembre, del vice direttore di Geo, Marco Restelli. Un provvedimento inatteso e improvviso che seguiva di una settimana la sostituzione di due direttori: Fiona Diwan a Geo e Maria Tatsos a Top Girl.
“Il licenziamento di un vice direttore è illegittimo”, ribadisce il comitato di redazione. “E in questo caso ci sono pure delle aggravanti: a Restelli l’editore ha comunicato che nella riorganizzazione decisa per Geo il suo ruolo era stato soppresso. E alla sua richiesta di essere spostato in altre redazioni, eventualmente anche come caporedattore, ha risposto che non c’era alcuna possibilità  di ricollocamento. Ma noi denunciamo da un anno e mezzo la carenza di organici nell’area di Focus, sette periodici che rappresentano il settore più produttivo della casa editrice”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale