Comunicazione e pubblicità  – Compa – Fra politica e professione

Da ‘Prima comunicazione’, numero 388, Ottobre 2008


Sarà  perché l’impegno profuso dal ministro Renato Brunetta nella lotta all’assenteismo ha rinnovato l’interesse generale sul tema dell’efficienza della pubblica amministrazione, sarà  perché il Compa debutta alla grande Fiera milanese, nel mondo della comunicazione c’è una certa attesa per il salone che si apre martedì 21 ottobre con il titolo ‘Comunicare nella pubblica amministrazione che cambia’.
Alla prima volta di Milano come ospite di una fiera della comunicazione, il salone è visto come un banco di prova per ulteriori prossime iniziative, tanto più importanti se si considera che l’amministratore delegato di Fiera Milano, Claudio Artusi è un convinto sostenitore della formula fiera servizi più eventi per collocare Milano nel giro di pochi anni “nel drappello delle cinque-dieci fiere mondiali che faranno la differenza”.
Per promuovere l’arrivo nei nuovi padiglioni della fiera a Rho degli uomini della comunicazione pubblica e privata è stato messo a punto da un comitato di programma del Compa – presieduto da Stefano Rolando, segretario generale della Fondazione Iulm, l’università  milanese partner scientifico della manifestazione – un piano di convegni e incontri parallelo al salone vero e proprio, denso di ospiti italiani e stranieri impegnati per i tre giorni del salone a discutere su tre temi: ‘Vincere la sindrome del freno’; ‘Connettere pubblico e privato’ e ‘Competere nel locale e globale’ (per l’elenco completo degli incontri www.compa.it). “La comunicazione pubblica ha un grande e nuovo, ruolo”, dice Rolando, che molto ha faticato per mettere insieme l’ambizioso programmone: “accompagnare il dibattito fra istituzioni, società  civile, cittadini, imprese. La partita è quella europea della democrazia partecipativa, del dialogo, della pubblica utilità  della comunicazione stessa. Senza dimenticare il fatto assai concreto che attorno alla comunicazione pubblica in Italia ruotano almeno 100mila posti di lavoro. Quella milanese è una occasione importante per dare visibilità  a questi temi”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale