Agenzie di stampa – Italpress. Quella piccola impresa del Sud

Da ‘Prima comunicazione’, numero 387, Settembre 2008


“Fare impresa al Sud è un’impresa. Riuscirci in ambito editoriale è quasi un miracolo”. Gaspare Borsellino ci scherza su, ma lui, il miracolo, è riuscito a farlo. A novembre festeggia i vent’anni dalla fondazione della sua Italpress, l’agenzia di stampa che dirige e che oggi è tra le prime nel Paese per capacità  produttiva, fiore all’occhiello dell’imprenditoria meridionale. Una macchina ben oliata che dalla sede di Palermo sforna ogni giorno 700 take, 350 dei quali dedicati allo sport, settore di cui è leader in Italia. Un’agenzia veloce e reattiva che si sta facendo largo tra le grandi anche in economia e politica ed è in forte espansione nell’informazione su ambiente, energia, spettacoli, turismo e cronaca. Senza dimenticare un ricco notiziario regionale che ogni giorno racconta quello che accade in Sicilia.
La redazione di Italpress è composta da una quindicina di giornalisti (gran parte cresciuti nell’agenzia) che lavorano a ritmi vorticosi per coordinare circa 2mila collaboratori sparsi in Italia e nel mondo. Al suo flusso di notizie sono abbonati oltre 150 clienti. In pratica quasi tutti i quotidiani del Paese, parecchi periodici e molti enti pubblici e aziende private.
Italpress è una realtà  dalle dimensioni contenute che pensa e agisce in grande. Come ha dimostrato in occasione delle Olimpiadi di Pechino dove, oltre all’Ansa, è stata l’unica agenzia italiana a mandare i suoi (sei) inviati. E come conferma il giro d’affari di circa 2,5 milioni di euro, quasi rappoppiato negli ultimi cinque anni. “Tra le agenzie di stampa siamo una mosca bianca”, commenta Gaspare Borsellino, “perché, a parte un piccolo contratto con la presidenza del Consiglio dei ministri, viviamo di abbonamenti con realtà  private mentre quasi tutte le altre si sostengono principalmente grazie a contratti milionari con le istituzioni”.
Per festeggiare i vent’anni di attività  il fondatore e direttore sta organizzando un forum per il 13 novembre a Roma, alla sala del Cenacolo della Camera dei deputati. Al centro del dibattito – moderato da Bruno Vespa e a cui hanno già  aderito esponenti di primo piano delle istituzioni, dell’imprenditoria e del giornalismo – c’è la trasformazione dell’informazione nello sport e nella politica (i territori più praticati da Italpress) negli ultimi due decenni. Borsellino si è anche regalato un nuovo sistema editoriale e una sede più ampia e tecnologica. Il software che d’ora in poi gestisce il processo di produzione delle notizie apre all’agenzia le porte della multimedialità . Mentre scrivono i loro take, i giornalisti producono contemporaneamente anche contenuti digitali, foto, video e audio dotati di ‘feed’, cioè delle informazioni necessarie ad alimentare in automatico siti e portali dei clienti abbonati. “Con questo sistema possiamo rivolgere il nostro business a mercati finora inesplorati come quelli della telefonia e del web”, dice Borsellino che all’inizio del prossimo anno trasferisce tutta l’azienda in via Dante, uno spazio di 500 metri quadri, il doppio rispetto alla storica sede di via XII Gennaio, rimanendo sempre nel centralissimo quartiere Politeama.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale