Comunicazione e politica – I megafoni. La squadra dei portavoce e uffici stampa dei ministri

Da ‘Prima comunicazione’, numero 387, Settembre 2008


Silvio Berlusconi l’aveva promesso: non parlerò più per strada, dai finestrini della macchina o ai ricevimenti dei Telegatti, ma solamente in conferenze stampa all’uopo organizzate. “Basta con la politica da
trivio”, aveva scandito. Come se non bastasse questa minirivoluzione, il Cavaliere nella prima riunione di governo aveva pure messo la mordacchia ai suoi ministri, invitandoli ad aprire la bocca il meno possibile onde non finire come il povero Prodi.
I giornalisti che lo seguono tutti i giorni, però, non avevano preso molto sul serio la new wave del Cavaliere ed erano partite le scommesse su quando il premier avrebbe ceduto all’incontinenza verbale. È accaduto il 7 agosto. Berlusconi è a Napoli per certificare, Guido Bertolaso accanto, il successo nella ripulitura della città , si concede un bagno di folla in centro, strette di mano, foto con gli ammiratori e… addio silenzio. Parla della Finanziaria, annuncia che sta trattando con una compagnia straniera per Alitalia, prende un po’ per i fondelli l’opposizione. Tutto come ai vecchi tempi.
E pensare che i suoi l’avevano preso sul serio, tanto che all’inizio dell’estate Roberto Gasparotti, ex operatore Mediaset e fidatissimo collaboratore del Cavaliere, era arrivato a invitare la truppa di cronisti, cameraman e fotografi che da anni stazionano davanti a Palazzo Grazioli a sloggiare. La piccola folla s’era spostata di qualche decina di metri, ma solo per qualche giorno: anche se gli estenuanti turni di guardia sotto casa Berlusconi (soprattutto delle agenzie) si sono ridotti a una blanda sorveglianza.
Intanto, la macchina della comunicazione ufficiale di Palazzo Chigi si è messa in moto. Il portavoce del premier e del governo, Paolo Bonaiuti, avrà  infatti a disposizione una doppia struttura: da un lato l’ufficio stampa della presidenza del Consiglio guidato da Fabrizio Casinelli, ex giornalista radiofonico, alla corte del Cavaliere fin dal 1994, e dai due vice Angelo Di Silvio, fino a poco tempo fa ottimo cronista parlamentare di Apcom, e Silvio Mellara, giovane ma da anni nello staff del Cavaliere; dall’altro un gruppo di lavoro che coordinerà  le campagne informative del governo, del quale però si fatica a trovare il coordinatore.
Nel frattempo con l’estate è stata messa in piedi la squadra dei portavoce e uffici stampa dei ministri. Su Prima comunicazione ve li presentiamo in ordine alfabetico.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale