Televisione -Rai Fiction. I progetti di Fabrizio Del Noce

Da ‘Prima comunicazione’, numero 387, Settembre 2008


Il caso Saccà  ha gettato un’ombra oscura sull’industria della fiction che ne è uscita con l’immagine distrutta. Per Fabrizio Del Noce, nuovo direttore di Rai Fiction, un doppio compito: rimettere velocemente in moto la macchina produttiva della Rai e tornare a una gestione trasparente e meritocratica
La lunga e aspra contesa sulla direzione di Rai Fiction tra Agostino Saccà  e la Rai è finita. L’ultimo ciak di una storia durata dieci mesi che ha avuto le prime pagine dei giornali e impegnato magistrati e avvocati, diviso l’azienda e paralizzato il consiglio di amministrazione di Viale Mazzini, è stato battuto venerdì 1° agosto, quando il Cda è riuscito a trovare i numeri per spostare Saccà  da Rai Fiction alla direzione Sviluppo commerciale e sostituirlo con Fabrizio Del Noce, direttore di Raiuno, un altro berlusconiano doc. Favorevoli i consiglieri di centrosinistra (Sandro Curzi, Nino Rizzo Nervo, Carlo Rognoni e Claudio Petruccioli); presente Marco Staderini (Udc) che, pur votando contro, ha consentito il raggiungimento del numero legale, mentre non hanno partecipato alla votazione i rappresentanti del centrodestra Angelo Maria Petroni, Giuliano Urbani, Forza Italia, Giovanna Bianchi Clerici, Lega, e Gennaro Malgieri, An, per incompatibilità  con il suo nuovo incarico parlamentare.
La decisione del Cda di Viale Mazzini è arrivata dopo che il Tribunale di Roma, sezione Lavoro, il 28 luglio aveva accolto il ricorso della direzione generale della Rai contro l’ordinanza del giudice Giuseppina Vetritto che, a fine giugno, aveva reintegrato Saccà  nelle sue funzioni di direttore di Rai Fiction, annullando la sospensione dall’incarico decisa dal direttore generale Claudio Cappon, provvedimento disciplinare preso in attesa di vagliare tutte le carte della Procura di Napoli che indagava Saccà  per il reato di corruzione. La storia è nota: secondo l’accusa Saccà  avrebbe favorito alcune attrici segnalate da Berlusconi in cambio delle promesse di sostegno a suoi progetti imprenditoriali, come la realizzazione di una nuova società  di produzione, la Pegasus. Dall’inchiesta sono uscite centinaia di pagine di intercettazioni in cui Saccà  parlava e trattava con produttori, con personaggi di Mediaset (Fedele Confalonieri e Andrea Ambrogetti), banchieri per finanziamenti (Corrado Passera, ad di Intesa Sanpaolo), imprenditori (tra cui Luca di Montezemolo), politici e persino un consigliere di amministrazione Rai (Giuliano Urbani) per mettere a punto il suo progetto imprenditoriale e trovare partner. E poi, come se non bastasse, le carte della Procura hanno reso di pubblico dominio battute, considerazioni e critiche nei confronti di manager Rai e trame per far fuori il direttore generale Cappon.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale