Televisione – Ifil. Nel mercato tivù con De Agostini e Arnault

Da ‘Prima comunicazione’, numero 384, Maggio 2008


A un giorno dalla sua nomina, John Elkann esordisce come presidente dellla Ifil, annunciando che la holding finanziaria della famiglia Agnelli entra nel mercato dei format televisivi e investe 42,5 milioni per acquistare il 17 % circa di Mangas Capital Entertainment (Mce).
L’operazione avviene nel quadro di un aumento di capitale che ha l’obiettivo di portare fino a 250 milioni nelle casse della società  di produzione televisiva, fondata nel 2007 a Parigi da Stephane Courbit. Ifil dovrà  versare al closing previsto entro la fine di giugno una prima tranche di 21,25 milioni.
Le nuove risorse serviranno per finanziare il piano di sviluppo a medio termine di Mce, che intende svilupparsi acquisendo società  specializzate nella creazione e produzione di format e contenuti da distribuire su diverse piattaforme: tivù, web, telefonia mobile.
Nell’affare Me l’Ifil avrà  come soci la De Agopstini e il gruppo francese Arnault , che deterranno la stessa quota di capitale della holding torinese. Il restante 49% rimarrà  nelle mani di Courbit, che sarà  ceo di Mce (nel consiglio di amministrazione entrerà  anche un rappresentante dell’Ifil).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale