Quotidiani – Manifesto. La rivoluzione di Cusani

Da ‘Prima comunicazione’, numero 382, Marzo 2008


Rinnovare la struttura societaria, centrare l’obiettivo dell’aziendalizzazione più volte perseguito ma sempre fallito, ristrutturare il debito. E poi, valorizzare il marchio, adeguare gli stipendi, oltre a rinnovare il giornale per recuperare copie e contendere a Liberazione il lettorato di sinistra. Questi sono gli obiettivi di Sergio Cusani che da qualche mese si è buttato anima e corpo nel rilancio del Manifesto.
Nel suo piano di una cinquantina di pagine, Cusani propone una nuova configurazione societaria in cui, rimanendo alla cooperativa la proprietà  della testata, viene affidata alla Manifesto spa, adeguatamente patrimonializzata, il ruolo di holding dedicata alla finanza di tutto il gruppo. Una soluzione che dovrebbe favorire, tra l’altro, l’ingresso di nuovi soci portatori di capitali.
Per quanto riguarda la ristrutturazione del debito, l’obiettivo di Cusani è rinegoziare le condizioni di prestiti e mutui (con la Banca di Roma l’esposizione nel lungo e medio periodo è di 18 milioni garantiti dai rimborsi previsti dalla legge sull’editoria).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale