Periodici – T Magazine. L’apripista

L’articolo riprodotto su Primaonline.it è un estratto di quello pubblicato nel numero 376, Ottobre 2007, di ‘Prima Comunicazione’

T Magazine, il mensile su moda, design e viaggi del New York Times, diventa assieme al suo sito un brand globale dell’editoria alta di gamma. E fa scuola negli Usa dove per il 2008 si annuncia un concorrente: Pursuits, glossy magazine del Wall Street Journal di Murdoch.
Un party alla Triennale la sera del 24 settembre per annunciare la nascita del sito web del New York Times Style Magazine; ma soprattutto, prima e dopo, cene e incontri di business per mettere in mostra i gioielli di famiglia. Il gruppo editoriale del New York Times è sbarcato con tutta la sua potenza a Milano durante la settimana delle sfilate femminili: un segnale forte nei confronti del mondo della moda italiano che nei quotidiani di punta del gruppo, il New York Times e l’International Herald Tribune, ha da tempo due interlocutori importanti, oggi più che mai decisi a far valere la loro capacità  di affermarsi a livello globale anche come veicoli pubblicitari di primaria importanza in concorrenza con gli editori di periodici che tradizionalmente dominano nella moda, a cominciare da Condé Nast.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale