Personaggi – Enzo Raisi. Un torero nell’arena della politica

L’articolo riprodotto su Primaonline.it è un estratto di quello pubblicato nel numero 376, Ottobre 2007, di ‘Prima Comunicazione’

Lo dice chiaro e tondo: “Se passa il taglio del 7%, io porto i libri in Tribunale”. Enzo Raisi, 46 anni, non ama sprecare le parole. Ma contro la scure che in Finanziaria si sta abbattendo sulle provvidenze ai giornali non usa mezzi termini. È uomo d’azienda e conosce il suo mestiere: da circa un anno e mezzo, al suo impegno di deputato ha affiancato quello di amministratore del Secolo d’Italia con il mandato preciso di risanare i conti economici del quotidiano di Alleanza nazionale. Una sfida non facile, anche per uno che fin dall’adolescenza ha trascorso le estati nella casa materna in Castilla – La Mancha imparando a prendere il toro per le corna e nella natia rossa Bologna a evitare di prendere botte.
Insieme al direttore Flavia Perina ha rivoltato come un calzino quel bollettino semi clandestino che era diventato Il Secolo cercando di ridargli un po’ di smalto con una nuova veste grafica e con contenuti più elaborati, che facilmente ora entrano nelle rassegne stampa richiamando l’attenzione dei quotidiani nazionali. Ma soprattutto ha dato una bella sforbiciata ai costi. Ricorrendo allo stato di crisi ha mandato a casa un terzo dei dipendenti, tra giornalisti e poligrafici: ora sono in dodici in redazione. E assieme a Perina ha ideato una serie di iniziative che sono riuscite a frenare l’emorragia di copie e a far riconquistare al quotidiano 2mila abbonati: l’ultima è che dal 7 ottobre alla domenica il giornale si presenta sottoforma di settimanale.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale