Televisione – Rai. Nei guai. Cappon anche

L’articolo riprodotto su Primaonline.it è un estratto di quello pubblicato nel numero 373, Maggio 2007, di ‘Prima Comunicazione’


La Rai è nei guai per lo stallo dei vertici aziendali. Il 10 maggio lo show down tra i cinque consiglieri della Cdl e i quattro del centro-sinistra ha fatto saltare il pacchetto di nomine proposto dal direttore
generale Claudio Cappon per le consociate e per Raidue (Giovanni Minoli al posto di Antonio Marano). Tommaso Padoa-Schioppa, il ministro dell’Economia e azionista della Rai, ha sfiduciato Angelo Maria Petroni, il consigliere in quota Forza Italia espresso dal Tesoro.
L’inizio dello scontro è scattato per motivi di lottizzazione: i veti politici su Marano inamovibile malgrado l’andamento disastroso di Raidue, difeso dalla Lega e dalla Cdl (ha il merito di aver spostato su Milano quasi tutte le produzioni e, avendo in mano la borsa delle commesse, ha costruito un sistema di potere e clientele utile al partito di Umberto Bossi). Con i vertici avvitati nel totonomine l’azienda è immobile da mesi. Rinviate tutte le scelte strategiche. Non si è ancora fatto il piano industriale che dovrebbe disegnare la Rai di domani, e rimangono irrisolti i molti problemi come la riorganizzazione del prodotto, lo scenario recessivo delle generaliste, la sfida del digitale terrestre e delle altre piattaforme e che fare dei centri di produzione che vanno a ramengo. E poi tutta la partita finanziaria. Il bilancio di quest’anno chiuderà  in rosso con perdite intorno ai 100 milioni, con la previsione di un maggiore aggravio nel 2008. Senza dimenticare il contratto di servizio col ministero delle Comunicazioni che costerà  almeno 100 milioni in più rispetto al passato. E senza contare che nei prossimi cinque anni l’azienda dovrà  imbarcarsi in una serie di investimenti straordinari.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale