Televisione – Backstage. Le mosse di Scheri e Barbieri

L’articolo riprodotto su Primaonline.it è un estratto di quello pubblicato nel numero 373, Maggio 2007, di ‘Prima Comunicazione’


Alla direzione della fiction di Mediaset è in arrivo Giancarlo Scheri, che lascia la direzione di Retequattro. Scheri dovrebbe essere affiancato da Guido Barbieri, che come direttore diritti di Rti amministra anche la fiction.
In attesa che si definisca il nuovo vertice della fiction, Barbieri e i tre capistruttura, Francesca Galiani, Anna Maria Morelli e Alfonso Cometti, lavorano a testa bassa per produrre 110 prime serate per Canale 5, secondo le linee guida che sono: serialità  à  gogo, dismissione delle miniserie, salvo eventi occasionali, e aumento dei tv movie.
Il fatto certo è che la fiction, tra la débà¢cle del film e le incertezze dell’intrattenimento, diventa sempre più importante per Mediaset. L’investimento attuale di 230 milioni (incluse sitcom e soap) lieviterà  a 240 milioni nel 2008. Si punta a diminuire progressivamente l’acquisto di film spostando le risorse liberate sulla fiction.
Sono cifre interessanti, ma tra i soldi che vanno a Mediavivere e quelli bloccati dall’esclusiva di Pietro Valsecchi che cosa resta agli altri produttori? “Mediavivere fornirà  15 prime serate all’anno, Valsecchi 33, tutto il resto è appannaggio delle altre imprese. Non è poco”, replica Barbieri. “Lavoriamo con una dozzina di produttori e siamo disponibili ad allargare la rosa, il problema è trovare produttori e talenti che rispondano alla nostra domanda”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale