Istituzioni – Unione europea. Accordo su Tivù senza frontiere

L’articolo riprodotto su Primaonline.it è un estratto di quello pubblicato nel numero 373, Maggio 2007, di ‘Prima Comunicazione’


Sarà  quasi certamente approvata dal Parlamento europeo nella seduta plenaria del prossimo luglio la nuova versione della direttiva Tivù senza frontiere, proposta dal commissario ai Media Viviane Reding e ora battezzata Direttiva sui servizi mediatici audiovisivi.
A dare la spinta decisiva è stato l’accordo di compromesso raggiunto l’8 maggio all’interno della commissione Cultura di Strasburgo (quella competente in materia) tra le posizioni dell’Europarlamento, rappresentate dalla relatrice Ruth Hieronymi, e la presidenza di turno tedesca che tratta a nome degli altri 26 governi europei (per il testo, vedi www.primaonline.it/documenti). Tra le due istituzioni, che condividono parte dei poteri legislativi, c’erano ancora in sospeso alcuni punti cardine della direttiva, che ora sono stati chiariti.
Innanzitutto il product placement: l’accordo dice che sarà  permesso solo per certe tipologie di programmi (cioè in linea con la posizione già  espressa dal Parlamento, mentre il Consiglio chiedeva che fosse proibito in linea generale e permesso solo tramite deroghe nazionali). Resterà  comunque vietato durante i notiziari, i programmi d’attualità  e quelli per bambini, i programmi di servizio e i documentari. La presenza di sponsorizzazioni attraverso il product placement dovrà  essere segnalata all’inizio e alla fine delle trasmissioni, oltre che prima delle pause pubblicitarie.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale