Radio – Rtl 102.5. Guida il digitale italiano

L’articolo riprodotto su Primaonline.it è un estratto di quello pubblicato nel numero 371, Marzo 2007, di ‘Prima Comunicazione’


“Il Dab e la sua estensione Dmb è lo standard adottato dall’Unione europea per la radio digitale. Ne stanno prendendo atto gran parte degli operatori del settore, a partire dalla Rai che ha da poco avviato una sperimentazione. Per noi di Rtl 102.5 è una grande soddisfazione perché è dal 1998 che crediamo nella tecnologia T-Dmb che insieme al segnale audio consente di trasmettere anche un segnale video”. Davide Giacalone è il consulente per il digitale per conto del network Rtl 102.5. Giornalista e saggista (ha pubblicato, tra gli altri, il libro ‘DigiRadio’, Rubbettino, 2003), ha seguito il programma di digitalizzazione su cui l’editore Lorenzo Suraci ha investito finora una ventina di milioni di euro e che quest’anno ne prevede altri 7-8 per rifinire la copertura nazionale.
“Il passaggio al digitale è un percorso obbligato”, dice Giacalone, “non solo perché prima o poi interverrà  il legislatore indicando una data di switch off come per la televisione, ma anche perché sarà  il mercato a chiederlo così com’è avvenuto nella telefonia mobile con il passaggio dall’Etacs al Gsm, una transizione avvenuta in maniera naturale per effetto della migliore qualità  del servizio che gli utilizzatori hanno percepito e quindi reclamato. La stessa cosa avverrà  per la radio digitale che consente una ricezione perfetta e senza interruzioni e richiede apparecchi più piccoli e più economici”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale