Internet – Dada. Va a gonfie vele

L’articolo riprodotto su Primaonline.it è un estratto di quello pubblicato nel numero 371, Marzo 2007, di ‘Prima Comunicazione’


“Non credo alla crisi dell’editoria. I lettori aumentano molto grazie all’online e i giornali rimangono centrali. I media tradizionali, però, devono innovarsi. I periodici, ad esempio, dovrebbero strutturarsi come dei blog”, dice Paolo Barberis, presidente di Dada, l’Internet company del gruppo Rcs. “I lettori dei giornali leggono, su carta o on line, ma leggono. Ma se vogliono scrivere, o inviare foto e video? Allora ci sono player come Dada che offrono lo spazio in rete ai lettori. Uno spazio personale in cui possono trovare le loro e-mail, le loro foto, i video, comunicare con altri, creare comunità . E poi c’è Blogo, network di magazine on line acquistato da Dada per 720mila euro, con blog multiautore su argomenti specifici, come le auto, i libri, il cinema dove i lettori diventano protagonisti, commentatori, produttori di informazione”, dice Barberis. L’Internet company  controllata da Rcs MediaGroup gioca la sua partita su un terreno globale. La società  è presente in 12 Paesi, che rappresentano il 37% del suo giro d’affari. “Internet è un mercato mondiale mentre l’editoria cartacea è ancora prevalentemente nazionale. Su Internet i principali protagonisti sono i motori di ricerca e gli aggregatori, cioè i portali, non necessariamente gli editori. Questi dovrebbero essere molto più proattivi, anticipare le esigenze dei lettori e non solo seguire il mercato”, dice Barberis.
“Oggi Dada è tra i primi trecento siti più visti al mondo, vogliamo entrare nella classifica dei primi cento”, prosegue Barberis, “puntiamo sulla convergenza tra l’Internet fisso e quello mobile che va sui telefonini, sui palmari e sugli altri device. In particolare, sul mobile sono in arrivo importanti novità . La tendenza è quella di una tariffazione flat, come nell’Internet fisso. I nuovi terminali per ricevere l’Internet sono già  disponibili e le reti sono sempre più veloci. Manca la completa standardizzazione del browser, cioè manca ancora l’Internet Explorer dei telefonini, ma ci si arriverà  presto. Allora i servizi mobili diversi dalla voce si diffonderanno davvero ampiamente”
Dada, che in Italia ha ottenuto l’esclusiva per la vendita della pubblicità  sui cellulari Vodafone, ha chiuso un importante accordo con Google, il motore di ricerca leader mondiale. “Il progetto Friend$ è una forma nuova di advertising, una pubblicità  partecipativa”, spiega Barberis, “prevede la suddivisione dei ricavi pubblicitari tra i blogger e punta a creare in maniera virale un circuito pubblicitario di affiliati in modo che ogni blogger guadagnerà  anche dalla pubblicità  degli altri blogger. Da Friend$ mi aspetto grandi cose”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale