Quotidiani – Stampa. Malaguti capocronista

L’articolo riprodotto su Primaonline.it è un estratto di quello pubblicato nel numero 369, Gennaio 2007, di ‘Prima Comunicazione’


Cambia, per la terza volta in meno di tre anni, il capocronista della Stampa: sulla poltrona numero uno delle pagine torinesi arriverà  nei prossimi giorni, anche se la nomina non è ancora stata ufficializzata, Andrea Malaguti, oggi giovane e brillante capo delle pagine sportive (incarico nel quale gli subentrerà  un altro giovane, Guido Boffo). Malaguti, originario di Bologna, ha chiesto e in parte ottenuto di poter formare una propria squadra per dirigere uno dei settori più importanti del quotidiano diretto da Giulio Anselmi. Lo affiancherà  infatti Federico Monga (anche in questo caso un quarantenne), oggi numero due delle pagine economiche guidate da Teodoro Chiarelli.
Malaguti sostituisce così Gabriele Ferraris, che manterrà  la carica di caporedattore dell’inserto settimanale Torino Sette (per altro mai abbandonata nel periodo da capocronista). Anselmi conferma così la sua intenzione di svecchiare i principali protagonisti della Stampa, da poco rinnovata e trasformata in tabloid. Un’indagine commissionata per conoscere il gradimento dopo la ‘rivoluzione’ indicherebbe che formato, grafica e trasformazione dei contenuti (con molte più pagine e molti approfondimenti e reportage) è gradita soprattutto dai lettori dei piccoli centri e della provincia, meno dai torinesi, dove la posizione del quotidiano è rimasta sostanzialmente immutata.
 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale