Televisione – Digitale terrestre. Lo spot diventa interattivo

L’articolo riprodotto su Primaonline.it è un estratto di quello pubblicato nel numero 369, Gennaio 2007, di ‘Prima Comunicazione’


Sipra, Publitalia e Mtv Pubblicità  per il digitale terrestre
Da metà  gennaio sul sito della Rai (www.rai.it) è possibile scaricare gratuitamente le puntate di ‘Melevisione’, uno dei programmi più amati dai bambini. I file video si possono guardare in streaming sul computer ma si possono anche trasferire sul videofonino e persino sulla Playstation portatile. Il programma è sponsorizzato dalla Ferrero, che ha scelto di farsi pubblicità  attraverso queste nuove modalità  di fruizione televisive dette vodcast (dalla sigla di video on demand, vod). Il formato pubblicitario è uno spot in posizione unica: in testa al contenuto video, e ben separato da esso attraverso un siparietto che porta la scritta ‘Pubblicità ‘, si legge il nome del cliente inserzionista che offre il programma, a cui fanno seguito lo spot e infine i ringraziamenti e l’augurio di una buona visione della trasmissione.
Benvenuti nell’ultima frontiera della comunicazione pubblicitaria audio e video. Aziende inserzioniste e concessionarie di pubblicità  stanno già  sperimentando e commercializzando innovativi format pubblicitari studiati per le nuove piattaforme digitali. Il risultato è una serie di prodotti interattivi che si propongono di conferire maggior efficacia ai tradizionali spot e alle vecchie telepromozioni, e che possono essere fruiti dall’utente attraverso modalità  personalizzate, quando e dove preferisce e soprattutto su vari mezzi.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale