Personaggi – Gianni Riotta. Nuovo direttore del Tg1

L’articolo riprodotto su Primaonline.it è un estratto di quello pubblicato nel numero 366, Ottobre 2006, di ‘Prima Comunicazione’


La pratica è quella della blitzkriege, guerra lampo di tedesca memoria. Se Gianni Riotta, neo direttore del Tg1, oppone un duro silenzio a chiunque gli chieda come sarà  il suo telegiornale, per lui parlano i fatti. Rapidi, fulminei, efficaci come nemmeno mille parole. Riotta arriva in Rai lunedì 25 settembre alle ore nove. Con passo leggermente stupefatto varca la soglia dello studio moquettato del direttore generale Claudio Cappon che lo accoglie con un bel sorrisone stampato sulle labbra. È per prendere le consegne da Clemente Mimun che per quattro anni e mezzo ha tenuto duro, ha fatto il bello e il cattivo tempo, ha seminato morti e feriti, ha ribattuto parola su parola, insulto su insulto a quanti (tanti) volevano la sua pelle e alla fine l’hanno ottenuta. Un’ora dopo i due – Cappon e Riotta – sono a Saxa Rubra, sede della redazione e degli studios. È il direttore generale a presentarlo a quelle che un tempo si chiamavano le maestranze. A dare il benvenuto accorre il responsabile della segreteria di redazione che accompagna il direttore appena insediato nella sua bella stanza vuota con tanto di Enciclopedia Treccani intonsa dentro la libreria. Sempre con Cappon come guardaspalle, Riotta partecipa così alla prima riunione di redazione. (…)

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale