Comunicazione e pubblicità  – Mondadori Pubblicità  – La rivoluzione di Giliberti

L’articolo riprodotto su Primaonline.it è un estratto di quello pubblicato nel numero 366, Ottobre 2006, di ‘Prima Comunicazione’


Forse non sarà  una rivoluzione, ma certo quella che Eduardo Giliberti ha dato alla Mondadori Pubblicità  è una bella scossa. La riorganizzazione della struttura che il presidente e amministratore delegato della concessionaria ha reso operativa da metà  ottobre è di poco successiva al riassetto della divisione periodici della Mondadori seguito alla nascita di Mondadori France (vedi Prima n. 365, pagg. 110 e 111), e ha un obiettivo molto chiaro: integrare il più possibile la cultura commerciale con quella editoriale e aprire la strada a tutte le nuove forme di partnership con gli inserzionisti che ormai è indispensabile affiancare alla tradizionale raccolta pubbliicitaria.
“C’era una farraginosità  nei rapporti con l’editore che rendeva difficile lavorare assieme”, spiega Giliberti. “Un problema che secondo me si risolve solo provando a creare una nuova cultura comune con un interscambio a livelli alti. Per questo Daniela Prestinoni, che rivestiva un ruolo di primo piano alla concessionaria come vice direttore generale commerciale, è passata alla divisione periodici come responsabile dell’unità  di business Up market e arredamento. E a Ercole Giammarco, che ricopriva quell’incarico, è stata affidata all’interno di Mondadori Pubblicità  la nuova direzione New business e progetti di comunicazione integrata”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale