Televisione – Backstage. Marano Vs Saccà 

L’articolo riprodotto su Primaonline.it è un estratto di quello pubblicato nel numero 363, Giugno 2006, di ‘Prima Comunicazione’


Nell’area editoriale della Rai ci sono resistenze all’overdose di fiction che Agostino Saccà  prepara per Raiuno e Raidue in base al piano di produzione approvato dal consiglio di amministrazione.
Per Saccà  la fiction è lo strumento più duttile per rimettere in forma i palinsesti della Rai, come ha argomentato in una lunga intervista su Prima (vedi n. 361, pagg. 64-72), ma c’è chi la pensa diversamente.
La tesi contraria è la seguente. Non ci sono slot in palinsesto per tanta fiction a meno di creare sovrapposizioni tra Raiuno e Raidue che non fanno bene al risultato complessivo della Rai. Il punto critico è che il prodotto di Raifiction, almeno quello che si è visto finora, è monocorde e quasi interamente schiacciato sullo zoccolo del pubblico più anziano e femminile, come fotografa il quadrante delle quattro palle dell’Auditel. Se la trama tradizionale della fiction è perfetta per Raiuno non è però in linea con le necessità  di ringiovanimento di Raidue che ha la missione di intercettare i pubblici più commerciali sui quali ha la meglio Mediaset.
A uscire allo scoperto è stato Antonio Marano che recentemente è subentrato a Massimo Ferrario alla guida di Raidue. Ferrario era pronto ad accogliere sessantasette pezzi di fiction come aveva dichiarato in una lettera firmata col direttore di Raiuno Fabrizio Del Noce e allegata al piano. Marano invece non ci sta.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale