Telecomunicazioni – Skype. Nuova sede in Italia

L’articolo riprodotto su Primaonline.it è un estratto di quello pubblicato nel numero 362, Maggio 2006, di ‘Prima Comunicazione’


Skype, uno dei più importanti fenomeni web globali degli ultimi anni, che ha fatto fortuna grazie a un software che consente telefonate gratis in tutto il mondo tra utenti registrati e collegati on line con un computer, non ha mai investito un euro in pubblicità  e comunicazione e non ha intenzione di cambiare strategia. “Siamo arrivati a 100 milioni di utenti in tutto il mondo e a un tasso di crescita di sei  nuovi utenti al secondo soltanto con la forza del passaparola. Un risultato straordinario che si sta affermando velocemente anche presso l’utenza business, cioè le piccole e medie imprese che una volta provata la qualità  e l’economicità  del servizio diventano il nostro miglior veicolo pubblicitario”, dice Enrico Noseda, passato quest’anno alla guida di Skype Italia dopo essere stato in France Telecom come marketing and sales director di Parla.it (in precedenza ha lavorato in Eutelia come direttore commerciale della divisione media e tivù interattiva e prima ancora, dal 1995 al 2000, in Henkel come brand manager Dixan).
Per Skype (www.skype.it) – che si definisce una ‘global Internet communications company’ e che fa parte del gruppo eBay – l’Italia è un Paese fondamentale perché è da noi che si registra il maggior tasso di crescita europeo nelle registrazioni (il secondo nel mondo) e perché è primo anche nella penetrazione del servizio nell’area professionale.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale