Comunicazione e pubblicità  – Mini. Fa anche vestiti

L’articolo riprodotto su Primaonline.it è un estratto di quello pubblicato nel numero 361, Aprile 2006, di ‘Prima Comunicazione’


La Mini-mania, da quest’anno, avrà  una possibilità  in più per manifestarsi. Ai Mini-maniaci verrà  offerta una collezione di abbigliamento e accessori, disegnata da Karim Rashid – designer, dj e molto altro ancora – che ha cercato di trasferire sul corpo lo spirito della macchina più glamour della storia dell’automobile. Guidare una Mini vestiti Mini, finalmente un trip davvero completo e soprattutto fashion. I particolari, ovvio, sono coperti dal segreto più assoluto, la rivelazione avverrà  il 19 aprile a Milano durante un incontro con la stampa internazionale e nazionale.
Nel frattempo Mini ha tenuto banco (come dice il mago Forrest, “quante ne sanno” quelli della Citroà«n, ma anche gli altri non scherzano) assieme all’Istituto europeo di design presentando alla Triennale di Milano la mostra ‘Il futuro della città : slow o fast? La socializzazione, il gioco, il tempo libero’ ovvero ‘La città  su misura’ allestita con i progetti presentati da giovani designer e studenti universitari che hanno partecipato al secondo dei tre concorsi d’idee in programma nell’ambito del Mini Design Award. La giuria, presieduta da Gillo Dorfles e Marco Saltalamacchia, ha assegnato primo, secondo e terzo premio Mini Design Award 2006 rispettivamente a Dodo Arslan, Lorenza Clivio, Frida Andersson. Il premio Università  è andato al Politecnico di Bari per il progetto di Raffaella Amoruso, Giuseppe De Gennaro, Fabiana Ernesto. M .B.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale