Fashion victims – Diego Della Valle. Al centro

L’articolo riprodotto su Primaonline.it è un estratto di quello pubblicato nel numero 358, Gennaio 2006, di ‘Prima Comunicazione’


Solo i più ingenui potevano meravigliarsi della sua preparazione. Solo quelli che non sapevano e non sospettavano che Diego Della Valle, oltre a essere un attento imprenditore con i suoi pregi e
difetti, ha sempre avuto una coscienza politica, anche se non strettamente partitica (forse un po’ troppo amico di Mastella). Figurarsi che, a suo tempo, è stato uno dei pochi imprenditori ad andare in soccorso dell’appello del Manifesto (senza farne pubblicità ) e ha perfino le azioni, anche se di quel giornale non condivide molto (giusto qualche intervento di economia di Bruno Perini e la moda di Michele Ciavarella). Ora, dopo la super bella figura che Della Valle ha fatto a ‘Porta a porta’ di Bruno Vespa, dove da un video ha contestato e messo in crisi Berlusconi (che gli ha risposto con un ridicolo “unpolite”) senza avere nessun aiuto dai giornalisti che erano in studio, il mondo della moda spera di aver presto un suo rappresentante nel prossimo governo: di sinistra, di centro o di destra che sia, tanto per loro ha poca importanza. Purché possano vendere meglio scarpe, borsette e vestitini (sperano anche nell’incentivo di Stato per il guardaroba?). Anzi, molti dicono che Della Valle sarà  il fulcro del ‘Grande Centro di Pierferdy Casini’ e, forse, il capo del (da loro auspicato) ministero della Moda, che in fondo, per l’Italia, potrebbe essere più strategico di quello dell’Agricoltura. Che sogni… E allora perché non un ministero del Lusso? Tanto Berlusconi ci lascia tutti ricchi. O no? Capisco l’orgoglio del settore, ma sarebbe meglio che ognuno facesse il suo mestiere. 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale