Televisione – RaiFiction. ‘Commissario Soneri’ sfonda a Nord

L’articolo riprodotto su www.primaonline.it è un estratto di quello pubblicato nel numero 357, Dicembre 2005, di  ‘Prima Comunicazione’

Luca Barbareschi, produttore (con Susanna Bolchi e Aureliano Lalli Persiani) e protagonista del ‘Commissario Soneri’, irsuto e malinconico antieroe uscito dalla penna del giallista Valerio Varesi, ha fatto centro: 15,12% alla prima puntata, riconfermato pienamente nella seconda. Un risultato niente male per una rete scarsamente illuminata come Raidue, diretta dal leghista Massimo Ferrario.
Ma a fare bingo è stato anche Agostino Saccà , direttore di Raifiction, che può vantare, lui calabrese che tifa Calabria, la prima fiction che ha forato il muro del pubblico del Nord. Quasi sempre lo sceneggiato Rai vince facendo il pieno d’ascolti al Centro Sud, mentre al Nord raccoglie almeno sette otto punti in meno di share. La tendenza si è invertita con il ‘Commissario Soneri’, che si è imposto grazie al pubblico del Lombardoveneto con una media tra il 18% e il 20%, contro il 10% delle regioni meridionali. E questo significa, secondo Saccà , che in area padana “non esiste un pregiudiziale sentimento antipatizzante nei confronti del nostro prodotto”.
Luce verde dunque alla conquista del Nord. L’anti-Montalbano, come è stato denominato Soneri, fa da battistrada a un plotoncino di fiction in preparazione: da ‘Rossella’, tredici puntate a Milano, alla sitcom ‘Sette vite’, fino a una serie lunga di ambientazione ospedaliera pensata e girata nelle regioni del Nord.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale