Comunicazione e pubblicità  – Enel. Uso intelligente dell’energia

L’articolo riprodotto su www.primaonline.it è un estratto di quello pubblicato nel numero 357, Dicembre 2005, di  ‘Prima Comunicazione’

Come un oste che invita a bere meno, meglio e poco, Enel lancia una massiccia campagna per un uso intelligente dell’energia, cioè incredibile ma vero spende soldi per incassarne meno. Viene il sospetto che la campagna sia una risposta alle accuse di applicare le tariffe elettriche più care d’Europa.
“Non c’entra niente. La motivazione di fondo è educare al consumo ragionato dell’energia”, precisa Gianluca Comin, responsabile della comunicazione Enel. “È un impegno che abbiamo per la legge Marzano e che assolviamo con grande piacere. Per dirne una, Enel è impegnata da tempo nella promozione di campagne di sensibilizzazione, come la diffusione di 2 milioni di lampadine a basso consumo energetico. È vero, le tariffe elettriche in Italia sono mediamente le più alte d’Europa (anche se circa 11 milioni di famiglie e molte grandi imprese energivore godono di tariffe fortemente agevolate). Paghiamo di più l’energia elettrica perché in Italia usiamo combustibili costosi per produrla, petrolio e gas soprattutto, che sono aumentati negli ultimi anni del 600%, mentre all’estero si produce elettricità  soprattutto con il nucleare e il carbone. Il piano di Enel è di sviluppare la produzione di carbone pulito al posto del petrolio e di investire in modo massiccio nelle energie rinnovabili, soprattutto eolico, solare e geotermico”.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale