Personaggi – Giovanni Consorte. Presidente e ad di Unipol

L’articolo riprodotto su www.primaonline.it è un estratto di quello pubblicato nel numero 357, Dicembre 2005, di  ‘Prima Comunicazione’

Dicono che il presidente di Unipol Giovanni Consorte preferisca gestire direttamente i rapporti con i giornalisti, dando a quelli che conosce meglio il proprio numero di cellulare
Nei primi giorni di dicembre questa disponibilità  deve essergli costata un bombardamento di telefonate. Infatti, alla vigilia della decisione di Bankitalia sull’Opa lanciata su Bnl, appesantita dall’ipotesi che la Consob riapra il dossier, a seguito degli avvisi di garanzia arrivati dalla magistratura di Roma e Milano per aggiotaggio e insider trading, la stella di Consorte è sembrata prendere una traiettoria calante come quella di altri protagonisti dell’estate finanziaria, Fiorani, Gnutti, Ricucci, Coppola.
La storia che ha al centro Consorte e Unipol è sicuramente gustosa, con tutti gli ingredienti per solleticare l’appetito dei media: una compagnia di assicurazione, società  di punta del movimento della cooperazione rossa, che rivendica il diritto di agire da protagonista sulla scena finanziaria, arrivando al controllo di una banca. In un baleno, la cronaca si è mischiata a interventi su problemi di etica manageriale (come se fossero solo prerogativa delle cooperative), fino ad arrivare alla politica.
Ancora una volta i giornali si sono divisi in schieramenti. Ad andare giù duri contro Consorte sono stati soprattutto Giornale, Corriere della Sera e Sole 24 Ore. Con Repubblica più distaccata e preoccupata che i ‘buchi’ presi a Roma e Milano sugli avvisi di garanzia a Consorte fossero scambiati per reticenza e non, come invece è accaduto, causati da intoppi organizzativi (cronisti giudiziari in ferie o distaccati ad altri incarichi).
Intanto, mentre Prima sta andando in tipografia, Consorte ha annunciato un esposto alla magistratura contro ignoti, chiedendo di “individuare coloro i quali hanno avviato una sistematica azione contro Unipol”. Non è escluso che tra gli obiettivi dell’attacco dei vertici Unipol ci siano i giornalisti.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale