Comunicazione e pubblicità  – Barilla. Un ricco Mulino Bianco

L’articolo riprodotto su www.primaonline.it è un estratto di quello pubblicato nel numero 356, Novembre 2005, di  ‘Prima Comunicazione’


I biscotti, le torte, le brioche, i cracker, le merendine, le fette biscottate, i grissini e il pane del Mulino Bianco non sono soltanto tra i prodotti pù consumati dagli italiani, sono anche “il carburante per lo sviluppo dell’intero gruppo Barilla, un business domestico ma determinante per la crescita sui mercati esteri”. A dirlo è l’amministratore delegato della Barilla, Gianluca Bolla, in occasione del trentesimo compleanno di Mulino Bianco, marchio nato nel 1975 e nel corso degli anni diventato, sottolinea Bolla, “un universo di valori e di segni che è entrato nel costume e nella cultura dell’alimentazione italiani”. La penetrazione del marchio Mulino Bianco nelle famiglie è impressionante: 96%. Tradotto in cifre, significa un fatturato previsto per il 2005 di 840 milioni di euro (+3% sul 2004) che, sommato a quello di Pavesi e Wasa, porta il fatturato della divisione Bakery al 47% del giro d’affari totale di Barilla: 2,6 miliardi di euro stimati per l’anno in corso.
L’anniversario è stato per il gruppo di Parma l’occasione per aprire per la prima volta ai giornalisti le porte dello stabilimento di Castiglione delle Stiviere, il più grande in assoluto in Italia per i prodotti da forno: un gioiello con 11 linee di produzione, 423 dipendenti e una superficie coperta di 55.800 mq dal quale esce il 75% della produzione di biscotti e cracker Mulino Bianco. L’iniziativa rientra nelle nuove strategie di comunicazione di Barilla che, in coincidenza con l’arrivo come responsabile comunicazione di Giuseppe Coccon, lo scorso febbraio, sta sviluppando nuovi e più trasparenti tipi di contatto con i consumatori in aggiunta all’advertising classico (oltre 200 milioni di euro l’investimento di gruppo per l’anno in corso).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale