Protagonisti – Renato Soru. I temi forti del presidente

L’articolo riprodotto su www.primaonline.it è un estratto di quello pubblicato nel numero 353, Luglio/Agosto 2005, di  ‘Prima Comunicazione’, in edicola.


Quando un anno fa annunciò che si candidava alla presidenza della Regione disse che era un impegno massimo di cinque anni di legislatura, “il periodo della mia vita che intendo dedicare interamente alla mia terra”). Più d’uno – soprattutto nei partiti tradizionali – fece un sorrisino ironico, come dire: vai avanti, profeta”š che poi ti cuciniamo noi le pietanze e vediamo se resisti. Ma avevano sottovalutato Renato Soru, l’uomo che negli ultimi dieci anni è stato uno dei protagonisti della new economy ed è diventato uno dei nomi spendibili anche in politica. Così se è vero che finora la navigazione della giunta Soru non è stata facile – anzi, sono stati più i momenti di tensione che quelli veramente sereni – è altresì fuori discussione che la sua leadership è più solida che mai. Soprattutto dopo la tornata elettorale di primavera che proprio in Sardegna ha consegnato al centrosinistra un risultato quasi ‘bulgaro’ (presidenza di sette delle otto nuove province e vittoria nei maggiori comuni). E se l’analisi del voto ha messo in rilievo una ripresa forte dei partiti maggiori (Ds e Margherita), è però incontestabile che ha fatto cilecca la prima ‘spallata’ che il centrodestra sperava di dare al nuovo governatore (termine che non gli piace), confidando sul ‘prezzo’ che in una fase di malcontento generale dei cittadini pagano tutti coloro che hanno responsabilità  di governo. Proprio le dimensioni straripanti del successo potrebbero però creare qualche problema a Soru, così come è di tutta evidenza che le aspettative e il carico di responsabilità  sono aumentati.
Questo il contesto nel quale Prima ha ritenuto – dopo l’intervista al governatore del Friuli-Venezia Giulia Riccardo Illy – di sentire anche un altro uomo nuovo sceso in campo col centrosinistra. Ciò premesso, è bene chiarire subito un punto: quella che segue è un’intervista un po’ particolare. La si potrebbe definire una specie di ‘intervista non autorizzata’, ma non è l’espressione giusta perché da tempo Soru – che proprio a Prima aveva concesso una delle prime interviste all’inizio del boom di Tiscali – aveva accettato, pur tra titubanze e continui rinvii, di parlare della sua nuova esperienza. Ma il presidente della Sardegna ha un carattere che è un eufemismo definire spigoloso (lui stesso, grazie a una buona dose di autoironia, riconosce questo limite) e riesce spesso a far desistere per la stanchezza i giornalisti che gli chiedono interviste. Certo è difficile spiegare questa ritrosia nei confronti dell’informazione e della comunicazione da parte di un personaggio che ha creato una delle più significative aziende nel campo dell’information technology.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale