Televisione – Rai. Rognoni rappresenta i Ds nel nuovo Cda

(Prima Comunicazione – numero 351 – Maggio 2005) “Mi dispiace lasciare la guida del dipartimento Informazione dei Ds, ma alla fine, dopo averci pensato per un po’, ho deciso di accettare la proposta di Piero Fassino”. Sarà  dunque Carlo Rognoni a rappresentare i Ds nel nuovo Cda a nove membri della Rai. Una decisione presa “con spirito di servizio” ma anche con la ferma convinzione che, forse proprio perché più marcatamente politico, questo consiglio di amministrazione, “che è una sorta di parlamentino, potrà  veramente cambiare qualcosa nella politica di Viale Mazzini. A cominciare dalla qualità  dell’informazione che è notevolmente scaduta”, dice il deputato diessino. “Forse sarà  velleitario, ma confido molto sul buon senso degli altri consiglieri”. Gran parte dei quali, fa notare, provengono proprio dal mondo del giornalismo: come Nino Rizzo Nervo (direttore di Europa) proposto dalla Margherita, Gennaro Malgieri (ex direttore del Secolo d’Italia e attuale direttore dell’Indipendente), candidato da An, e Sandro Curzi (il mitico direttore del Tg3 e poi di Liberazione), portato da Rifondazione comunista.  “Il nostro obiettivo è quello di creare le condizioni per un mercato dell’informazione più aperto, con più soggetti imprenditoriali, con più pluralismo, favorendo le nuove tecnologie e accelerando la convergenza tra computer, telefono e tivù. In questo contesto ridefineremo per la Rai sia la missione che la questione dell’assetto societario”.  Contrario da sempre alla privatizzazione “stile Gasparri”, Rognoni – che sulla riforma voluta dal centrodestra ci ha scritto anche un libro edito da Marco Tropea dal titolo Inferno tv – da tempo propone invece il modello francese e inglese: quello cioè della separazione tra gli operatori di rete e i gestori degli impianti. “Nel consiglio mi batterò affinché la privatizzazione come decisa dal centrodestra non prenda avvio”, promette.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale