Case editrici – Cairo Editore. Fa la fortuna dell’industria della stampa

(Prima Comunicazione – numero 351 – Maggio 2005) I due settimanali di Cairo Editore fanno la fortuna dell’industria della stampa “Se il pubblico vuole Costantino, noi glielo diamo. Senza problemi, senza puzza sotto il naso”. Parole di Ernesto Mauri, l’amministratore delegato che con Urbano Cairo editore ha lanciato i settimanali DiPiù e DiPiù Tv diventati immediatamente fenomeni da 800mila copie settimanali in edicola, grazie al prezzo di copertina ultra compresso (1 euro DiPiù, mezzo euro DiPiù Tv) e, ovviamente, a Costantino, il fenomeno del piccolo schermo lanciato da Maurizio Costanzo con la sua ‘Buona Domenica’.  “Stampiamo 52 testate, di cui 12 settimanali, con l’editore che ci chiede ininterrottamente di ridurre i costi, di aumentare la qualità  del servizio, di spingere sulla flessibilità , con le redazioni che chiudono sempre più tardi e noi che il giornale dobbiamo comunque e giustamente mandarlo in distribuzione nel giorno e nell’ora prestabiliti. Ora, dopo una lunga e tormentata trattativa sindacale, lavoriamo anche alla domenica per permettere a Sorrisi e Canzoni Tv di uscire di lunedì e fronteggiare la concorrenza”. Parole di Alberto De Matthaeis, dal gennaio 2003 amministratore delegato di Mondadori Printing, interamente controllata dalla casa editrice di Segrate, prima azienda grafica italiana per fatturato.  Parole che indicano le due facce del cosiddetto ‘ciclone Cairo’, così come l’hanno definito a Senago (Milano) i più grandi operatori italiani della filiera editoriale (costruttori di macchine-cartiere-stampatori-editori), riuniti per fare il punto ‘sull’Italia delle rotative’. E per festeggiare i 10 anni della Kba Italia, filiale del colosso tedesco che con le Officine meccaniche Giovanni Cerutti si divide il mercato mondiale delle macchine da stampa. L’uscita dei due nuovi settimanali di Cairo ha infatti provocato l’immediata e dura risposta dei concorrenti, con Mondadori che ha spostato l’uscita di Sorrisi e Canzoni Tv al lunedì, giorno d’uscita dei nuovi arrivati; con Rcs e Rusconi che hanno anticipato l’uscita di Oggi e Gente; con il gruppo Espresso e Mondadori che hanno mandato in edicola ciascuno una guida quattordicinale sulla Tv; e ancora con Mondadori che ha fatto un nuovo settimanale, Star+Tv, con una formula editoriale che ricalca quasi alla perfezione quella del televisivo di Cairo. Un ciclone, appunto, che si è subito abbattuto anche sulla filiera sottostante, soprattutto sul comparto della stampa che già  stava percorrendo a grandi tappe la strada della compressione dei costi e della riorganizzazione produttiva con nuovi stabilimenti e nuove rotative, quasi mostruose, come nel caso di Eurogravure (70% Bertelssman, 30% Rcs Editori) che nel nuovo stabilimento di Treviglio (Bergamo), con un investimento superiore ai 113 milioni di euro, sta mettendo in funzione quattro rotocalco in grado di produrre ciascuna 220mila copie l’ora, servirsi di bobine da 6 tonnellate, ‘mangiare’ 145mila tonnellate di carta l’anno. È in questo scenario che sono arrivate milioni di copie aggiuntive da stampare, in tempi sempre più stretti, con la massima flessibilità , spingendo sulla competitività .

_________________________________________
Nella foto, Urbano Cairo (a sinistra) e Sandro Mayer

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale