CRISTIANO DRAGHI – Da direttore del ‘Corriere di Firenze’ a direttore della ‘Voce’

Prima Comunicazione – numero 350 – Aprile 2005
Cinquantenne, fiorentino, Cristiano Draghi ha trasferito armi e bagagli dal capoluogo toscano a Rovigo, una cittadina “cordiale, solare (salvo quando c’è la nebbia), un po’ dimenticata”, dice. E in effetti questo centro agricolo-commerciale veneto, nato con gli Estensi, ricco di torri e insaporito di vera storia, viene ricordato quasi unicamente per l’alluvione del Polesine del ’51. È invece una terra economicamente forte, con grandi possibilità  di sviluppo, al centro di progetti importanti, da due grandi autostrade a un aeroporto merci, già  unica via fluviale verso Milano. Non è un caso che Draghi, nominato direttore della Voce con tre edizioni (Rovigo, Cremona e Crema), abbia scelto di abitare proprio nella prima città , quasi a sottolineare l’interesse e il progetto editoriale. Draghi dovrà  infatti vedersela con Il Gazzettino (di Venezia) e Il Resto del Carlino (di Bologna) che tutto sommato, anche se molto diffusi, sono pur sempre ‘estranei’ alla città . Separato, con due figlie – Emma di ventisei anni e Virginia di diciannove – Draghi si è laureato in pedagogia (“una materia che non esiste più”) con una tesi di laurea in psicologia. I primi passi li ha mossi alla Città  di Firenze nell’80 diventando professionista quattro anni dopo. Agli inizi degli anni Novanta è diventato vice capocronista a Paese Sera a Roma. Poi, dal 1993 al 1999, ha lavorato a Prima Comunicazione a Milano. Per altri tre anni è stato consulente editoriale del Gruppo Giunti e poi socio della Silab, casa di produzione multimediale. Collaboratore del Corriere della Sera e della Stampa, consigliere nazionale dell’Ordine dei giornalisti per un biennio, continua a essere collaboratore di Prima e di Problemi dell’Informazione per cui cura dossier sulle grandi case editrici. È anche autore di un divertente (ma serissimo) ‘Manuale per difendersi dai giornalisti’ (Stampa Alternativa). Negli ultimi tre anni è stato direttore del Corriere di Firenze e dal 20 marzo si è appunto stabilito nel cuore del Veneto. Cristiano Draghi è anche cultore di grafologia clinica e studioso di psicologia. Gusti: i giochi e “chi riesce a prendere la vita come un gioco”. Disgusti: l’arroganza, la matematica e il cervello fritto (inteso sia come piatto sia come metafora).

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Cambio ai vertici dell’affiliata italiana di Philip Morris. Nominati Eleonora Santi, Gianluca Iannelli e Mirko Vaccaro

Cambio ai vertici dell’affiliata italiana di Philip Morris. Nominati Eleonora Santi, Gianluca Iannelli e Mirko Vaccaro

Malagò (Coni) sulla riapertura degli stadi: speriamo novità in settimana, ma così è difficile fare marketing e sinergia commerciale

Malagò (Coni) sulla riapertura degli stadi: speriamo novità in settimana, ma così è difficile fare marketing e sinergia commerciale

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro