Quotidiani – ‘Padania’. Paragone nuovo direttore

‘Prima Comunicazione’, numero 348, Febbraio 2005 – Alla Lega devono saperlo: con Gianluigi Paragone alla direzione della Padania si mettono in casa un “bel rompicoglioni”, come egli stesso si è definito parlando con Umberto Bossi, che meno di un mese fa lo ha chiamato al telefono per fargli la proposta. Il quotidiano della Lega Nord, dopo un periodo d’oro, non se la sta infatti passando bene: le vendite sono drasticamente calate, la redazione è giù di tono e l’insoddisfazione è crescente. Il leader del Carroccio, che dopo i mesi della malattia sta ora piano piano riprendendo le redini del partito, ha perciò pensato di rivolgersi a questo giovane giornalista di 33 anni – cresciuto professionalmente alla Prealpina e che negli ultimi anni ha brillantemente diretto Rete 55 (la tivù varesina da cui ha mosso i suoi passi Antonio Marano), scrivendo come notista politico anche per il Giornale – per risollevare la testata. “L’unica condizione che ho chiesto”, precisa, “è avere però carta bianca dal punto di vista giornalistico perché se invece di un giornale di partito vogliono avere un bollettino, io sono la persona meno adatta”. E il senatur gliel’ha concessa, come gli ha concesso anche il coordinamento di tutta l’attività  editoriale che fa capo alla Lega: Radio Padania, Telepadania e il settimanale Il Federalista. La trattativa si è poi spostata su altre questioni che, afferma Paragone, non hanno affatto investito il suo futuro politico: “Non è vero che ho chiesto garanzie circa una mia elezione in Parlamento: io sono e resto un giornalista”.

______________________
Nella foto, Gianluigi Paragone

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale