Personaggi – Luca Josi. Il ras del preserale

‘Prima Comunicazione’, numero 348, Febbraio 2005 – “Apriremo un nuovo centro di produzione in Sicilia, a Termini Imerese, che quando sarà  avviato e pienamente operativo darà  lavoro a 120 persone”, racconta Luca Josi, fondatore assieme ad Andrea Olcese della società  di produzione Einstein Multimedia. “E stiamo producendo il nostro primo reality show. Si chiama ‘Ritorno al presente’, lo programma dal 16 febbraio Raiuno in prime time ed è un gioco in cui 14 concorrenti vengono proiettati, nell’arco di alcune settimane, in sei situazioni spazio temporali diverse. Nelle intenzioni, dovrebbe offrire qualche spunto di riflessione storico culturale”, continua Josi. Einstein Multimedia oggi produce tutti i gameshow di successo in onda nel preserale: ‘Passaparola’ e ‘Sarabanda’ condotti da Gerry Scotti ed Enrico Papi sulle reti Mediaset e il ‘Quiz show’ di Amadeus su Raiuno. Sono format importati dall’estero e c’è chi accusa i due patron di Einstein di essere dei colonizzatori. “Noi proponiamo format che vengono rimodulati, trasformati, integrati con idee e contenuti originali”, risponde Josi. “Siamo un Paese che ha esportato cultura per secoli, il fatto che oggi non sia così c’entra più con una strozzatura distributiva che con una crisi della creatività  o, peggio, con una forma di subalternità  o di colonizzazione culturale. Questi format televisivi, fra l’altro, nascono un po’ ovunque, oggi la creatività  è disseminata, e va raccolta là  dove si esprime. L’era del pensatoio classico, del luogo eletto della creatività  è finita nel momento in cui la società  mondiale è diventata aperta”. Come spiega Josi il ricorso sempre più massiccio a produzioni esterne da parte di Rai, Mediaset e La 7? “In Italia abbiamo una delle televisioni più ricche al mondo e questo significa anche una disponibilità  ampia di risorse a sostegno della competitività  fra i vari attori del sistema”, risponde il produttore nell’intervista a Prima. “La spinta al miglioramento del prodotto ha costretto i protagonisti del mercato televisivo a cercare creatività  e nuove proposte all’esterno. È accaduta la stessa cosa nella moda, quando le grandi griffe hanno cominciato ad assumere stilisti giovani e a lanciare collezioni innovative. Ecco, nella televisione oggi siamo in una condizione liberale e di trasparenza di mercato. Oggi puoi vedere in tempo reale cosa viene prodotto ai quattro angoli del pianeta. Puoi scegliere e comporre la tua offerta. Di fronte a una situazione come questa non ha molto senso domandarsi perché le aziende televisive si rivolgono al mercato. Era nelle cose, era inevitabile”.

________________
Nella foto, Luca Josi

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

ERRATA CORRIGE – Gazzetta del Sud e Giornale di Sicilia

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione di ‘Uomini Comunicazione’

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale

La nuova edizione del ‘Grande Libro dell’Informazione’ disponibile con ‘Prima’ in edicola e in digitale