GIANNI RUGGIO – Da caposervizio di ‘Rockstar’ a diretore responsabile di ‘Pleasure’

‘Prima Comunicazione’, numero 348, Febbraio 2005 – La musica ma non solo. La colonna sonora della vita di Gianni Ruggio è varia e sicuramente molto ricca. Nato a Roma il 6 agosto 1966, Ruggio si è affacciato al mondo del giornaalismo all’inizio degli anni Novanta collaborando a giornali di settore come L’Esercente (di Confcommercio) e al mensile La Quarta. Dal 1991 al 1994 ha collaborato con un’assiduità  instancabile alle edizioni Cioè, che producevano testate come Cioè, Boss, Pupa, Tv Stelle, Debby e Cioè Girl. Quasi parallelamente era entrato nella redazione dell’ormai sfiancato Paese Sera, dove ha iniziato alle cronache cittadine per poi diventare il critico musicale di riferimento del quotidiano e qualificandosi come voce sicura del mondo rock, pop e jazz. Nel 1994 è trasmigrato al Tempo continuando a scrivere di musica ma anche di moda, costume, sport, fumetti e Internet. Consulente editoriale per il sito CiaoGente dal 2000 al 2001, è poi diventato coordinatore editoriale dell’Actor’s Studio srl, società  controllata dal gruppo Cioè. Dal marzo 2002 approda invece a Rockstar, la testata mito per tutti coloro che si occupano di musica. Caposervizio di Rockstar fino alla nomina a direttore responsabile di Pleasure, mensile maschile sui generis dell’etichetta discografica Universo (quelli che hanno lanciato i Lunapop) e che arriva in edicola accompagnato da un dvd (musica chillout, immagini di visual art e back stage della ragazza di copertina), oltre che da un cd di musica per relax. “Pensiamo al maschio che vuole il piacere in tutti i sensi, dalla gola alle belle macchine, dagli articoli di lusso alle grandi vacanze”, dice Ruggio, che già  di suo si dà  un bel daffare per non lasciarsi scappare nessuno dei piaceri che la vita gli offre.
Gusti: musica classica, moto e macchine d’epoca, soprattutto le vecchie Lancia.
Disgusti: due e molto forti: il sushi (“Anche se oggi va così di moda, a me fa letteralmente schifo”) e la folla (“Non so perché ma mi fa quasi paura”).


 

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Milanesiana 2021, 65 appuntamenti nel nome del Progresso

Milanesiana 2021, 65 appuntamenti nel nome del Progresso

Usigrai in piazza il 12 maggio, presidi in diverse città italiane: Per una Rai libera e una riforma rapida

Usigrai in piazza il 12 maggio, presidi in diverse città italiane: Per una Rai libera e una riforma rapida

World Press Photo parte da Torino, 159 foto a Palazzo Madama dal 7 maggio al 22 agosto. Tra i finalisti tre italiani

World Press Photo parte da Torino, 159 foto a Palazzo Madama dal 7 maggio al 22 agosto. Tra i finalisti tre italiani