Bruno Angelico – Da vice direttore a direttore di ‘City’

‘Prima Comunicazione’, numero 345, Novembre 2004 – Dopo i primi momenti un po’ stentati, City ha preso a ingranare come da programmi e, come da business plane, ha sostanzialmente raggiunto il punto di pareggio. In ogni caso, per capire se e come Rcs MediaGroup, il maggiore azionista di City Italia (90% delle quote contro il 10% di Alberto Donati), intenda continuare a muoversi nel business della free press – che di fatto mangia copie ai giornali ‘normali’ soprattutto nelle maggiori piazze – bisognerà  attendere gli sviluppi della discussione sul piano industriale dell’amministratore delegato Vittorio Colao. Angelico, veneziano, dopo la maturità , a metà  degli anni Settanta si dedica subito al giornalismo nella redazione di Lotta Continua. Nel 1981 è nella redazione di Radio Popolare di Torino. Tre anni e nell’84 si butta con Enrico Deaglio nell’avventura di Reporter. Conclusa l’esperienza del quotidiano, nel 1986 entra alla Mondadori, nella redazione di Epoca diretta da Gianni Statera. Dopo tre anni, ritorna a Torino per lavorare alla nascente edizione locale di Repubblica, che lascia nel ’92 per diventare direttore della Gazzetta del Piemonte. Sei mesi e Paolo Liguori lo chiama a Milano, al Giorno, dove è prima capocronista, poi all’ufficio centrale. Quando l’Eni cede nel 1997 Il Giorno alla Poligrafici Editoriale, Angelico si trasferisce a Bologna come caporedattore interni della struttura che realizza le pagine nazionali per i giornali del gruppo Riffeser Monti, oltre al Giorno, Resto del Carlino e Nazione. Nel 2000 è a Milano come inviato del Quotidiano Nazionale. Nell’estate dell’anno successivo, dopo aver dato le dimissioni dal gruppo Riffeser Monti, accetta la proposta di Lanfranco Vaccari  e passa come caporedattore (poi diventa vice direttore) a City, che compare per la prima volta nelle stazioni della metropolitana milanese il 3 settembre 2001.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro

Il sogno del Festival della Mente nell’anno della pandemia, fra numeri e futuro

Battaglia continua sulle rassegne stampa. Consiglio di Stato respinge ricorso urgenza Eco della stampa

Battaglia continua sulle rassegne stampa. Consiglio di Stato respinge ricorso urgenza Eco della stampa

Conflitto di interessi, la proposta di legge: “Stop ai direttori dei giornali in Parlamento”

Conflitto di interessi, la proposta di legge: “Stop ai direttori dei giornali in Parlamento”