Bruno Angelico – Da vice direttore a direttore di ‘City’

‘Prima Comunicazione’, numero 345, Novembre 2004 – Dopo i primi momenti un po’ stentati, City ha preso a ingranare come da programmi e, come da business plane, ha sostanzialmente raggiunto il punto di pareggio. In ogni caso, per capire se e come Rcs MediaGroup, il maggiore azionista di City Italia (90% delle quote contro il 10% di Alberto Donati), intenda continuare a muoversi nel business della free press – che di fatto mangia copie ai giornali ‘normali’ soprattutto nelle maggiori piazze – bisognerà  attendere gli sviluppi della discussione sul piano industriale dell’amministratore delegato Vittorio Colao. Angelico, veneziano, dopo la maturità , a metà  degli anni Settanta si dedica subito al giornalismo nella redazione di Lotta Continua. Nel 1981 è nella redazione di Radio Popolare di Torino. Tre anni e nell’84 si butta con Enrico Deaglio nell’avventura di Reporter. Conclusa l’esperienza del quotidiano, nel 1986 entra alla Mondadori, nella redazione di Epoca diretta da Gianni Statera. Dopo tre anni, ritorna a Torino per lavorare alla nascente edizione locale di Repubblica, che lascia nel ’92 per diventare direttore della Gazzetta del Piemonte. Sei mesi e Paolo Liguori lo chiama a Milano, al Giorno, dove è prima capocronista, poi all’ufficio centrale. Quando l’Eni cede nel 1997 Il Giorno alla Poligrafici Editoriale, Angelico si trasferisce a Bologna come caporedattore interni della struttura che realizza le pagine nazionali per i giornali del gruppo Riffeser Monti, oltre al Giorno, Resto del Carlino e Nazione. Nel 2000 è a Milano come inviato del Quotidiano Nazionale. Nell’estate dell’anno successivo, dopo aver dato le dimissioni dal gruppo Riffeser Monti, accetta la proposta di Lanfranco Vaccari  e passa come caporedattore (poi diventa vice direttore) a City, che compare per la prima volta nelle stazioni della metropolitana milanese il 3 settembre 2001.

Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestShare on LinkedIn

Articoli correlati

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL e post più popolari. Ad agosto domina Che tempo che fa. Il ricordo di Toffa e Strada e gli Azzurri olimpici nei best post

TOP PROGRAMMI TV SUI SOCIAL e post più popolari. Ad agosto domina Che tempo che fa. Il ricordo di Toffa e Strada e gli Azzurri olimpici nei best post

L’emozione di tornare al cinema nella nuova campagna Hearst presentata a Venezia

L’emozione di tornare al cinema nella nuova campagna Hearst presentata a Venezia

WhatsApp legge i messaggi delle chat. Appaltatori esterni e intelligenza artificiale per esaminare testi, foto e video: l’indagine di ProPublica

WhatsApp legge i messaggi delle chat. Appaltatori esterni e intelligenza artificiale per esaminare testi, foto e video: l’indagine di ProPublica